"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Castello – Cantiere Via Rovello 14: riaffiorano i resti romani di un tempio

Mentre si procede alla costruzione del palazzo di via Rovello 14 a due passi da largo Cairoli e il Castello, è stato finalmente rivelato che il ritrovamento archeologico ritrovato durante gli scavi per le fondamenta del nuovo palazzo è decisamente importante per la storia della città.

Infatti, dopo la demolizione del vecchio garage avvenuta nel 2012, realizzato a suo tempo sulle macerie della Seconda Guerra Mondiale, al posto di vecchie case demolite, il cantiere vero e proprio è partito molto in ritardo, solo nel 2016. Da subito sono state rivenute le fondamenta a tre metri sotto il livello stradale, di varie abitazioni. Alcune di epoca recente (7/800), già rimosse, ma soprattutto un gruppo di epoca più antica, subito ispezionata dagli archeologi e dalla Sovrintendenza.

Si tratta sicuramente di un edificio di rilevanza importante (come ha spigato al Corriere della Sera, Annamaria Fedeli, funzionaria responsabile dell’area Archeologica della Sovrintendenza), realizzato tra il I e il II Secolo d.C. nei pressi della Porta Comacina (oggi via Broletto). Le mura rinvenute dovrebbero trattarsi delle fondamenta di un edificio di culto (un tempio) e si tratta di un composto realizzato in ciottoli di fiume e malta, gli stessi utilizzati per l’Anfiteatro, il Teatro e altri edifici dell’epoca.

Di quest’edificio si era persa completamente ogni traccia, ma sicuramente doveva essere molto importante. Nelle vicinanze erano già stati rinvenuti altri edifici monumentali, come gli Horrea (il deposito di grano della Mediolanum romana) e l’aula absidata con tanto di sculture dell’epoca (qui l’articolo su Porta Comacina romana).

Ora, il progetto per il nuovo e lussuoso palazzo residenziale è stato avviato è i resti, come si è già visto, sono stati incapsulati in una “vasca” di cemento e ricoperti di sabbia) per consentire lo svolgimento dello scavo del parcheggio condominiale sotterraneo. Una volta ultimato l’edificio, progettato da Arassociati, i resti dell’antico manufatto saranno esposti e visitabili, un valore aggiunto al nuovo complesso.

Referenze fotografiche: Duepiedisbagliati, Roberto Arsuffi

Tag: via Rovello, Castello, Rovello 14, Archeologia, largo Cairoli, Arassociati

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Castello – Cantiere Via Rovello 14: riaffiorano i resti romani di un tempio

    1. Anonimo

      Non credo si possano spostare mura si sbriciolerebbero e non avrebbe molto senso. Non ho capito come si pensa, se si pensa, di renderle visitabili al pubblico essendo nelle fondamenta della casa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.