"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Siro – Via Paravia: un futuro per la cascina… in mezzo ai piedi

Dopo decenni d’abbandono, finalmente un futuro per la cascina che taglia in due via Paravia a San Siro.

Si tratta di un’antica costruzione rurale del 1600, conosciuta come Casanova, Case Nuove o Ca’Nuova (anche Ca’Noeuv in milanese), la cascina è segnalata nella “Carta dei fieni, legne, seminerie de risi…” dell’ing.G. B. Clerici (Claricio) del 1659 col nome di Casanova.

La cascina Case Nuove col tempo si è ritrovata “incastonata” nel reticolo viario della città che si è sviluppata senza considerarla, con l’intenzione di cancellarla per sempre demolendola. Ma lei, misteriosamente ha resistito sino ad ora, anche se in terrificante degrado. Peraltro ci troviamo in una zona di belle case signorili, per buona parte realizzate dal dopoguerra in poi.

Di proprietà del Comune, la cascina era stata interessata da un risanamento già nel 2012, quando venne concessa la costruzione dell’edificio di via Don Carlo Gnocchi che confina con la cascina. Abbandonata per lungo tempo, era diventata rifugio di disperati, oltre ad essere anche pericolosa per i passanti visto che stava letteralmente crollando. La ristrutturazione però non è stata portata a termine: troppi interventi moderni, troppe ricostruzioni hanno completamente stravolto la storica cascina che ad ogni modo era vincolata dalla Sovrintendenza. Così i lavori sono stati bloccati e il risultato è questo che si vede dalle nostre foto, degrado e abbandono completo da ormai 5 anni.

Finalmente il Comune, dopo anni, è riuscito a sbloccare una situazione in stallo da troppo tempo. Infatti sono stati assegnati i primi sette immobili dismessi di proprietà del Comune ad altrettanti operatori del privato sociale, al termine di una procedura di avviso pubblico durata alcuni mesi. Le proposte contengono progetti di recupero edilizio dei beni, con consistenti investimenti economici da parte degli assegnatari che valorizzano il patrimonio immobiliare. Progetti che prevedono il rilancio degli spazi con attività socio-culturali ed educative destinate alle comunità locali.

Uno di questi riguarda la Cascina Casanova di via Paravia 22.

La cascina sarà ristrutturata dalla Fondazione Terzo Luogo ETS che pagherà un canone di 297mila euro per la durata del diritto di superficie e investirà 9,3 milioni di euro per realizzare uno spazio culturale-educativo (biblioteca multimediale, servizi per l’infanzia, laboratori di creatività e formazione) che fornirà servizi quantificati in 3 milioni di euro l’anno.

Pertanto il recupero avverrà attraverso il restauro del fabbricato principale e del muro perimetrale, la demolizione delle superfetazioni moderne aggiunte anni fa e la realizzazione di nuovo portico a due piani per definire lo spazio della corte interna e di nuove volumetrie per la biblioteca (pubblica affidata ai servizi comunali -trasferimento dell’attuale biblioteca harar) e per gli spazi polifunzionali.

Referenze fotografiche: Roberto Arsuffi, Google, Fondazione Terzo Luogo ETS

Tag: San Siro, Via Paravia, Fondazione Terzo Luogo ETS, via Celio, Cascina Casanova, Cascina

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | San Siro – Via Paravia: un futuro per la cascina… in mezzo ai piedi

    1. Anonimo

      non mi GArBa la tua idea, anzi!
      secondo me invece potrebbe venir fuori un piccolo gioiellino, se fanno le cose per bene

  1. Alfredo Hamill

    Meglio tardi che mai! Comunque sempre interessantissimi gli articoli di questo blog, praticamente un servizio pubblico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.