"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Vercellina – Riqualificazione di Piazza Ambrosoli: novembre 2021

Aggiornamento di metà novembre dal cantiere per la riqualificazione di Piazza Giorgio Ambrosoli, una piazzetta di quartiere nel distretto di Porta Vercellina, proprio a due passi da Corso Vercelli. Assieme alla piazza, l’intervento riguarderà anche un tratto di via Paolo Giovio e via Polibio.

Ribadiamo quello già detto altre volte: purtroppo, come si vede dalle foto, l’aver lasciato una così ampia carreggiata centrale consente il parcheggio in divietò già ora, figuriamoci a cantieri chiusi. Inoltre, già sono in molti a lamentare l’eccessivo uso dell’asfalto e poche aiuole verdi. Attendiamo l’esito finale.

Referenze fotografiche: Arsuffi Roberto

Porta Vercellina, Corso Vercelli, Piazza Giorgio Ambrosoli, Parcheggio Selvaggio, Via Paolo Giovio, via Polibio, via Giovanni Cantoni

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


9 thoughts on “Milano | Porta Vercellina – Riqualificazione di Piazza Ambrosoli: novembre 2021

    1. Wf

      Infatti la carreggiata “singola” ha proprio lo scopo di impedire che le auto si blocchino.

      Se dietro di te ci sono altre auto e non puoi fermarti da nessuna parte nemmeno sbilenco o vai dritto e ti levi dai coglioni oppure vai drittio e ti levi dai coglioni…

      Lo fanno apposta.
      Mica è un caso (umano è quello di siTav ndr)

  1. Anonimo

    come in piazzale Lagosta, tutti i giorni auto in sosta nella rotonda che restringono inevitabilmente la carreggiata, e di conseguenza aumentano il traffico

  2. N

    Pura incapacità di progettazione.
    Quello spazio poteva diventare un luogo di aggregazione –
    mettere il verde e le alberature ai lati, creare sedute al centro, c’è anche una fontanella….
    La miopia di chi progetta questi spazi è esasperante.
    Riqualificare tanto per fare non crea valore alla città.
    Modellarla e ripensarla invece si.
    questo si chiama sperpero di risorse pubbliche.

    1. p

      Concordo, progetto davvero senza idee.
      La mania delle rotonde che vanno benissimo sulle strade extra-urbane, ma in città creano ridicole e anonime aiuole che non servono a nessuno. Tra l’altro non mi risulta quello fosse né un incrocio pericoloso, né luogo di grande traffico.
      Il senso di quelle vezzose aiuolette ritagliate intono alla fontana? Mistero..
      Peccato, ci passo tutti i giorni, era un bello spazio prima. Si poteva intervenire in modo diverso, e per rallentare le auto all’incrocio basta fare la carreggiata sopraelevata..

  3. Alberto

    Un bell’intervento, elegante, peccato per le paline inox moderne 🤢. Di sicuro meglio di certe riqualificazioni dalla pianta con disegni imbrobabili e il pavimento colorato, che sembrano progettate da bambini dell’asilo (piazzale Archinto).

  4. Anonimo

    Si è riqualificato un po’ ma rispettando pedissequamente lo status quo. Non si è cambiato praticamente nulla. Si avranno sempre auto parcheggiate in modo irregolare perché gli hanno lasciato tutto lo spazio per farlo. Peccato davvero, questa è stata una vera occasione persa.

  5. Davide Bianchi

    In effetti mi aspettavo più verde e meno cemento sui marciapiedi.
    Pazienza, speriamo lo usino per qualche panchina, se no non ha senso.
    Ma vogliamo parlare dei tempi? L’ultimo cartello affisso dall’impresa recita 24 dicembre!!
    VERGOGNOSO ! ! ! ! !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.