"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Precotto – Ampliamento Parco della Maddalena: lavori conclusi

Definitivamente completato l’intervento di recupero per il parchetto della Maddalena a Precotto. Ci troviamo dove sorgeva il vecchio cimitero del paesino (ricordiamo che Precotto, assieme a Gorla, sino al 1923 era un Comune autonomo) e dove si trova la vecchia cappella della Maddalena.

La sua riqualificazione è stata possibile grazie agli oneri di urbanizzazione del progetto residenziale di via Erodoto 4 in fase di realizzazione. 

Per la sua realizzazione è stata eliminata la strada carrabile che da via Cislaghi, curvando davanti alla cappelletta, si collegava alla via Tramelloni, al suo posto è stato creato un prato con nuove alberature. Mentre è stata ricavata una nuova stradina pedonale che collega l’area antistante la cappelletta con l’incrocio tra via Tremelloni e via Bigiogera. Il progetto è dell’architetto Ivo Cassetta.

Qui di seguito l’accesso da via Tremelloni.

Mentre questo è l’accesso da via Cislaghi dove spicca la mole stupenda della Curt di Merlin (corte dei Merlini).

Ecco la nuova “strada” pedonale lastricata in pietra che porta verso la chiesetta e via Tremelloni (qui prima passavano le automobili).

Ora appare più visibile la graziosa chiesetta di Santa Maria Maddalena, un tempo cappella del cimitero di Precotto e ora trasformata in oratorio di culto e di proprietà della Parrocchia di S. Michele Arcangelo.

Si tratta di un edificio di notevole pregio architettonico-artistico nel quale sono presenti affreschi del 1500 ed un ciclo pittorico del ‘600 e stata restaurata mirabilmente nel 2013.

Il sentiero che conduce alla cappelletta è stato allungato riproponendo lo stesso schema di pavimentazione già presente.

Completata anche la “collinetta” attrezzata con gli scivoli per i bambini e il campetto per la pallavolo.

Referenze immagini: Roberto Arsuffi

Carlo Maria Corsi, Precotto, Parco, via Luigi Cislaghi, via Roberto Tremelloni, Via Don Roberto Bigiogera, Parco della Maddalena

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


4 thoughts on “Milano | Precotto – Ampliamento Parco della Maddalena: lavori conclusi

  1. Anonimo

    Bello aver trasformato una strada in parte del parco.

    È quello che si dovrebbe fare in Palestro per collegare i giardini Montanelli con i giardini della Villa, eliminando anche lo schifoso parcheggio di via Marina. Ahimè purtroppo nulla di tutto ciò è stato fatto, hanno eliminato il pavé è messo asfalto che invita i pazzi al volante ad accelerare al massimo, proprio nella zona più pericolosa per l’attraversamento di bambini e famiglie.

  2. Wf

    Bellissimo.

    Bisognerebbe farlo in tutta la città.

    Le infrastrutture per le automobili hanno atrofizzato la bellezza e la guoia di vivere di Milano.

    Torniamo a prima della cementificazione automobilistica selvaggia e recuperiamo bellezza e vita

  3. Precottino

    Bello bello.

    L’unica nota rimane sempre quella della pessima qualità del manto erboso nei parchi e giardini di Milano, ma non è un problema specifico di questo progetto.

  4. Anonimo

    Davvero un bel lavoro. Finalmente un intervento di qualità dove al centro del progetto c’è il verde, senza il solito diluvio di pietre e lastricati vari come purtroppo avvenuto in altre sistemazioni di luoghi pubblici della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.