"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Roserio – Mind WestGate: MOLO, nuovi rendering

Lendlease, gruppo internazionale del real estate e rigenerazione urbana, ieri ha svelato WEST GATE, la nuova area ovest di MIND Milano Innovation District nel distretto di Roserio, l’ex area che ha ospitato Expo 2015.

Uno dei progetti in fase di sviluppo nell’area, quattro edifici posti come ingresso da ovest al nuovo quartiere, è, come abbiamo visto, MOLO Mobility Hub.

Lendlease ci ha fatto avere i rendering o suggestioni corrette e aggiornate, che fanno comprendere meglio la struttura del nuovo edificio che sorgerà al posto del padiglione dell’Expo Centre, quello posto all’apice del Decumano.

Il Mobility Hub “MOLO”, è un edificio mixed-use che in 3000 mq di retail ospiterà laboratori, uffici ed un parcheggio multipiano con 1500 posti auto tra pubblici e privati. Progettato da Architetto Andrea Nonni, MAD architects, Open Project srl, Progeca srl, l’acronimo sta per Mobility and Logistic hub. Il MOLO sarà una cerniera di connessione con le principali infrastrutture della mobilità lato Rho e un punto nevralgico per l’attrattività dovuta al mix funzionale al suo interno. Un raccordo che mette in relazione i luoghi e le azioni che si compiono in quei lembi di tessuto urbano. Il masterplan di MIND è stato impostato per incentivare e potenziare la mobilità sostenibile e leggera, con spazi a misura d’uomo al centro della progettazione e il MoLo diventa allo stesso tempo snodo e approdo, edificio pensato come primo varco che permette di accogliere le auto che devono raggiungere l’area, offrendo la maggior parte della sua superficie per la realizzazione di parcheggi. Un’architettura-infrastruttura a servizio del sito: oltre al parcheggio, l’edificio ospita anche una centrale impiantistica nodale per la strategia energetica di tutta l’area Westgate (energy center), un’area supermercato, al piano terra, locali destinati all’attività lavorativa (uffici) in spazi dedicati nella parte a sud e laboratori all’ultimo piano. 

Qui di seguito altre suggestioni di come potrà apparire l’insieme di Mind.

Referenze fotografiche: Lendlease, Mind

Milano, Roserio, Lendlease, IRCCS Galeazzi, Ospedale, Mind, WestGate




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


9 thoughts on “Milano | Roserio – Mind WestGate: MOLO, nuovi rendering

  1. Anonimo

    I primi progetti presentati in Mind sono veramente notevoli, quando i cantieri saranno tutti finiti sarà molto bello passeggiare per il nuovo distretto.

  2. fra

    Al di là delle parolone (mixed-use) a me sembra che il quartiere che ne uscirà sia tutt’altro che misto nel senso che la funzione residenziale, essenziale per “fare città”, sarà minima. Quanti saranno gli abitanti di Mind? Troppo pochi per “sostenere” quella base di infrastrutture di prossimità (queste cose antichissime e demodé come una scuola, una biblioteca pubblica, un campetto da calcio, ad esempio) ma anche per garantire un minimo di vitalità nelle ore di “bassa”. Mi chiedo come funzionerà un quartiere così. In particolare la sera e i fine-settimana vedo già le balle di fieno che rotolano in una landa deserta.

    1. Anonimo

      Esatto, sarà proprio così.
      Ma se vai a vivere in ultra peri cosa t’aspetti se non desolazione, abbandono e separazione oltre a cose e spazi del tutto artificiali e forzati?!
      Sembra san felice negli anni 90

    2. Anonimo

      Mah, magari mi sbaglio, ma mi sembra di capire che qui il “residenziale” non sarà inteso tanto come la famiglia che fa il mutuo per starci tutta la vita, quanto come residenze per studenti e ricercatori di MIND, foresterie per aziende o per parenti dei pazienti del Galeazzi, ecc. (infatti sono su quel lato lì).

  3. Marco

    Ragazzi scusate forse non ho capito io ma dove sorgerà quest’area? Per intenderci più verso cascina merlata o nei pressi di Roserio di fronte a fassina? Quello che vedo nelle vicinanze del Mind (lato baranzate) é l’immobilismo delle istituzioni locali e il degrado totale, spero che il comune di Baranzate si muova al più presto per sfruttare questa opportunità.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.