"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Acquabella – Cantiere M4 Dateo Corso Plebisciti: agosto 2022

Aggiornamento di agosto 2022 dai cantieri per le stazioni della M4, la linea Blu della nuova metropolitana, nel versante orientale della città. Nel distretto dell’Acquabella saranno aperte quest’autunno le stazioni della nuova metropolitana di Dateo, Susa e Argonne.

Intanto vi mostriamo qualche interessante novità visibile nel cantiere della stazione di Dateo, sita nell’omonimo piazzale e Corso Plebisciti. Intanto sono in fase di completamento le uscite della stazione, che si sommano alle uscite già presenti del passante ferroviario, e il ripristino delle aiuole e del parterre centrale che sarà pedonale e dove torneranno le alberature.

Ad ogni modo, la novità è l’assemblamento della struttura per il lucernario che verrà applicata a breve sul foro posto a lato del parterre centrale di Corso Plebisciti.

Referenze immagini: Roberto Arsuffi

Acquabella, M4, Susa, Argonne, Stazione, Arredo Urbano, Riqualificazione, Viabilità, Via Francesco dall’Ongaro, via Lomellina, Via Gaspare Aselli, Viale Argonne, Piazzale Susa,




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


7 thoughts on “Milano | Acquabella – Cantiere M4 Dateo Corso Plebisciti: agosto 2022

  1. Anonimo

    Wow sembra una bella novità rispetto alle stazioni standard della linea.

    Più simile alle stazioni della metrò di Brescia rispetto a quelle claustrofobiche della M5 milanese.

    Ottimo poi il parterre che torna verde e non più schifosissimo parcheggio abusivo.

  2. Anonimo

    Speriamo ancora in belle novità!
    Ho visto il progetto di San babila (la più centrale) è una distesa di cubetti di marmo e qualche alberello. Visto la vicinanza al duomo e montenapoleone mi aspettavo un progetto come quello di fuksas a Napoli.

    E invece è il solito progetto piatto privo di design.

    1. Anonimo

      Ma perché quell’obbrobrio che ha progettato Fuksas a Napoli sarebbe bello? Ma per favore, preferisco un progetto che pedonalizzi per bene la piazza e le vie limitrofe che quello schifo.

  3. Davide

    Ma il lucernario non lo si poteva utilizzare anche come presa d’ aria…così ci saremmo risparmiati la solita altana/torretta stile militare.

    1. GArBa

      No, a meno di non fare il lucernario alto da terra quanto la torre di captazione. La norma che determina la costruzione dei torrini riguarda l’altezza minima dal suolo del punto di captazione dell’aria. Nel passato tale norma non esisteva e le riprese erano a livello del suolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.