"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Venezia Loreto – L’ennesimo albero che soccombe e secca

Mai come quest’anno la mancanza d’acqua si sta facendo sentire. Mai come quest’anno stiamo vedendo l’unica ricchezza naturale di questa città soccombere al caldo e alla siccità, gli alberi. Purtroppo ci ha lasciato o lo sta per fare, il grazioso albero al centro della rotonda di via Plinio, via Eustachi e via Stradella, a cavallo dei distretti di Porta Venezia e Loreto. Rotonda creato una decina di anni fa, nel 2010 per esser precisi e che aveva trasformato l’incrocio in un grazioso punto di Milano.

Il Comune non se n’è preso cura e già da qualche mese si vedeva sofferente. Ora pare proprio secco.

Referenze immagini: Roberto Arsuffi

Alberi, Verde Pubblico, Degrado, Porta Venezia, Loreto, Città Studi, via Plinio, via Eustachi, via Stradella

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


16 thoughts on “Milano | Porta Venezia Loreto – L’ennesimo albero che soccombe e secca

  1. Oaleo

    Non c’è niente da fare, la manutenzione é il vero problema di questa città.
    Puoi fare tutti i progetti più belli, fare parchi, giardini e piazze pedonali ma se nessuno se ne prende cura come si deve si ricade nella sciatteria dilagante.
    Per provocazione mi domando se gli addetti al verde facciano veramente il loro lavoro o come altre categorie comunali passano il loro tempo a leggere la gazzetta….

    1. Manuel

      Solo a vedere quando vengono sotto casa mia con il taglia erba, quando erba non c’è ne più, e tritano i rifiuti facendoli finire ovunque senza ovviamente raccoglierli… mi domando da chi è governata questa povera città. Alberi morti da mesi e mesi lasciati lì non si sa bene per che cosa.

  2. Andrea

    Il termine “grazioso” lo terrei per il prossimo intervento di riqualifica. Quella rotonda è enorme anche se deve servire solamenre il traffico di quartiere.

    Oltre ad una carreggiata eccessivamente larga sono presenti decine di attraversamenti e isole di traffico, il tutto a vantaggio delle automobili che possono affrontare la rotonda a grande velocità e a svantaggio dei ciclisti e dei pedoni che devono percorrere più strada per attraversarla.

    Le immagini prendono l’albero in primo piano ma visto da un altra prospettiva quella aiuola è piccola rispetto a tutto l’asfalto presente nell’incrocio.

    1. Anonimo

      Tutto vero. Ridurre lo spazio delle auto è la prima cosa da fare in città.

      Ridurre le corsie e la loro larghezza, ridurre i parcheggi in superficie e trasformarli in verde, ridurre la velocità dei mezzi a motore e dare priorità a pedoni, biciclette e mezzi pubblici. Solo così si può cambiare.

  3. Anonimo

    Il comune avrà le sue colpe ma noi milanesi non abbiamo il senso del verde;
    ognuno di noi dovrebbe fare il suo.

    A Londra per dirne una ogni casa cura il proprio pezzettino di verde, e (che verde) !!!!
    I vasi o le aiuole sembrano curate da fiorai, con composizioni di fiori e piante.
    È una questione di cultura. Noi non l’abbiamo!

  4. Alessandro

    Sì d’accordo il Comune, però non ci voleva niente a buttare una secchiata d’acqua ogni tanto. Io mi sto prendendo cura di un Olmo sotto casa mia a Segrate. L’ho piantato in una specie di aiuola e lo sto curando. È alto tre piani e fa una bella ombra. Ogni autunno vado giù con un bicchiere di fosforo, azoto e potassio.Quest’estate, un paio di volte, ho riempito due bidoni da 30 litri e li ho versati intorno. Ha superato la siccità. Basta volerlo.

    1. Anonimo

      Non credo che il fai da te sia la soluzione per il verde pubblico a Milano.

      Vogliamo veramente legioni di agronomi che han studiato su facebook andare a dare secchiate di fertilizzante o di altri prodotti chimici?
      (Un albero adulto in piena terra invece non ha bisogno di irrigazione di soccorso)

  5. Ale

    Sveglia! Non è solo una questione di manutenzione. Stiamo vivendo un’estate follemente calda, fuori norma. Il cambiamento del clima inizia a portare il conto! Non è solo il comune a dover fare azioni, ma tutti noi o una miglio manutenzione presto nn sarà sufficiente.

    1. Anonimo

      Il caldo sta favorendo tutta una serie di parassiti che sono arrivati negli ultimi decenni e contro cui le nostre piante fanno fatica a difendersi.
      Non è (solo) questione di buona volontà, pollice verde e spontaneismo.

  6. Anonimo

    Estate follemente calda?
    Già negli anni passati Milano in estate era proprio fresca…
    Che peccato per il povero alberello, spero lo sostituiscano presto.

      1. Anonimo

        No, no, per carità, fa caldo, non siamo a livello del 2003, ma fa tanto caldo.
        Per quanto riguarda la l’acqua non possiamo certo affidarci alla pioggia, fortunatamente però abbiamo tantantissima acqua di falda.
        Bisognerebbe vedere perché è morto l’alberello, se per malattia/parassita o perché il comune lo ha colpevolmente lasciato seccare (come dicevano prima di me, problema di manutenzione).

        1. Ale

          E no, non è solo manutenzione. Guardatevi in giro, oltre all’albero di questo articolo. Avete mai visto così tante foglie secche a terra ad Agosto? Al parco di Trenno non ho mai visto tanti alberi seccare! Non dico che la manutenzione è valida, ma quest’anno c’è un problema in più. Il clima sta cambiando in peggio e non lo vogliamo ammettere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.