"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Casoretto – Le pareti cieche sul giardinetto di via Bazzini

In via Antonio Bazzini, una traversa di via Pacini e Vallazze si trova, incastrato tra gli alti palazzoni, un piccolo giardino di quartiere ricavato sopra un parcheggio interrato realizzato nel 2012/13.

A parte il fatto che la via, come molte altre vie prettamente residenziali e abbastanza larghe, potrebbe venire alberata, il giardinetto appare veramente triste e costretto dalle due pareti cieche dei civici 20 e 24.

Possibile che a nessuno sia mai venuto in mente di dare vita e decoro a questi due grandi muri? Noi abbiamo, ad esempio, provato a mettere due murali realizzati dall’inconfondibile artista Millo, che a Milano ha lasciato già due opere, in via Morosini in zona Suffragio e in via Oroboni zona Bruzzano.

Abbiamo anche provato a mettere una serie di alberi tra un parcheggio e l’altro, mantenendo il parcheggio a lisca di pesce (naturalmente studiato un po’ meglio e ordinato meglio).

Non sarebbe meglio?

Urbanfile sostiene il Fondo di Mutuo soccorso del Comune di Milano
Clicca qui per acquistare le grafiche dei quartieri e partecipare anche tu a questa iniziativa di solidarietà




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


14 thoughts on “Milano | Casoretto – Le pareti cieche sul giardinetto di via Bazzini

  1. Anonimo

    Il problema è che a quelli di destra gli alberi danno fastidio perché tolgono posti per le loro belle e roboanti automobili.

          1. Wf

            Se ti faccio tanto pena allora provvedi alla lubrificazione salivare dei miei gioielli di famiglia, il giovedì sera è consigliabile perchè non faccio la doccia.
            Buon appetito

          2. Anonimo

            Credo che un bifolco come te la doccia se la faccia a malapena una volta al mese nei bagni pubblici.

          3. Peace - Ello

            Si, però intanto immagini giorno e notte cosa succede in quei bagni….. e chi lo va a dire a tua moglie che a te ci piace il pisellone afrocongolese

      1. Michela

        Non capisco perché insista a chiamare CASIRETTO vie storicamente da sempre in città studi (ora città studi-lambrate, nella mappa 40 quartieri del comune di milano)

  2. Axel

    Ai cittadini piace lamentarsi delle troppe auto ma almeno la metà di chi si lamenta la utilizza. Quindi?? È normale che le posteggiano anche senza rispetto di spazi, incluso il verde. Se poi c’è un giardinetto un po’ nascosto o incolto, è naturale che sia trasformato in parcheggio ma aggiungo che al comune x sue competenze già non interviene su opere più importanti e se parlate di privati, spendono soldi x poterne incassare ed il verde ai privati non interessa (fatto salvo che non ci siano entrate economiche che lo permettono tipo Porta Garibaldi)

  3. Paolo

    Non provo alcun gusto a leggere la pochezza dei commenti, al contrario gli articoli li trovo sempre interessanti mi piacerebbe che blog Urban file.org eliminasse la possibilità di commenti fuori tema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.