"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Piazza Cavour, il caos dell’arredo urbano

Piazza Cavour, un’altra piazza senza alcun disegno generale, dove tutto è messo un po’ alla rinfusa. Dal dopoguerra ad oggi è stata sottoposta a diverse modifiche (io li chiamerei più che altro rattoppi) e col tempo ogni amministrazione ha dato il suo contributo, lasciandone ogni volta un segno diverso. Risultato è che oggi ci troviamo con una piazza molto caotica dove staziona di tutto: poveri alberelli a rischio continuo di asfissia da inquinamento (quelli più vecchi, deceduti, sono stati recentemente rimpiazzati); un vecchio orologio anni Trenta piazzato a caso; lampioncini in stile sparpagliati alla rinfusa ma solo nella parte più centrale della piazza; una pletora ingiustificata di cartelli stradali; binari morti, un bizzarro mix di pavé e asfalto; un edicola abbandonata; cabine telefoniche e cassette delle lettere posizionate nei posti sbagliati. Mancherebbe giusto una fontana vuota e poi saremmo veramente a posto. E’ proprio questa la città che vogliamo?

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.