"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Volta – Così cambia il quartiere ex Enel

Le petizioni e i ricorsi hanno ottenuto un profondo restyling del progetto.
Le piazze sono state ridisegnate con getti d’acqua, terrapieni e panchine incise nella pietra; c’è un boschetto di ciliegi; un parchetto di frassini; sull’isola pedonale si affaccia (finalmente) il Museo del Compasso d’Oro. Intorno è rimasta la cornice di cemento: palazzi, uffici, negozi e un albergo. La nuova versione del Piano d’intervento su oltre 31 mila metri quadri di aree industriali ex Enel attende adesso le bonifiche e i permessi. «Abbiamo fatto una scelta di dialogo con i cittadini e con l’operatore privato per contemperare i vari interessi», spiega l’assessore all’Urbanistica Ada Lucia De Cesaris. Le proteste del comitato «anti-mostro» sono state parzialmente disinnescate, il Comune e l’Immobiliare Porta Volta hanno organizzato un concorso e scelto (il 7 novembre) la proposta dell’architetto Alessandro Timoteo Sassi. Titolo evocativo: «Pausa urbana». Ora può iniziare la fase dei cantieri: «I lavori partiranno nei primi mesi del 2013». La mega-operazione immobiliare (un investimento privato da circa 60 milioni di euro) è un’eredità lasciata dall’ex giunta Moratti all’amministrazione Pisapia. L’area da riconvertire è enorme: sarà riscritto il paesaggio dei tre isolati che convergono sul piazzale del Cimitero Monumentale e sono divisi dagli assi di via Bramante, via Niccolini e via Procaccini. Oggi: cortili, capannoni, edifici dismessi, amianto. Per l’Expo 2015: 200 appartamenti e 243 box interrati. Il Piano d’intervento – approvato dal consiglio comunale nel settembre 2011 – è stato bersagliato dalle critiche di residenti e intellettuali (da Rosellina Archinto a Camilla Baresani, da Mario Botta a Italo Rota, da Antonio Scurati a Salvatore Settis): «Si tratta – è l’accusa – di un progetto architettonico di scarsa, o nulla, qualità». Il messaggio del nucleo di resistenza al cemento è ben riassunto dal sito Internet: «No agli scempi in città». La battaglia per «il bello» è confluita in due ricorsi al Tar: uno è stato respinto, il secondo sarà discusso a giorni.

Alcuni edifici storici saranno demoliti. L’Associazione per il disegno industriale (Adi) bonificherà 5 mila metri quadri di una centrale elettrica, realizzerà la sua sede e inaugurerà un’esposizione permanente con gli oggetti vincitori del premio Compasso d’Oro (fondato nel 1954 e oggi chiuso in magazzino): «Diamo una casa a questo straordinario patrimonio collettivo – sottolinea la presidente Luisa Bocchietto – e costruiamo un polo in grado di attrarre attenzione dal punto di vista turistico, culturale e didattico». Nella palazzina del design saranno ricavati anche spazi per mostre, uffici, bookshop e ristorante.

Dal Corriere della Sera

Nella foto l’area interessata all’intervento

 

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


One thought on “Milano | Porta Volta – Così cambia il quartiere ex Enel

  1. MichaelGrink

    The most important rising range of essay crafting services is completely overwhelming. Certainly enough, it’s not easy to skip an essay crafting support with the number of procedures you make. Any program is striving to always be one of the best. The prices incurred in advertising and marketing on the viewers with the intention to receive extra clients are a great deal. Their initiatives have already been paid back again: learners are embracing essay services a whole lot more than ever before. On obtaining that assignment, the following search is for an internet support. The checklist that pops out is unlimited and whereby confusion starts. Every last essay creating support is striving to be on high. They go ahead to influence their customers from all over. But just one and real element speaks for that service: high-quality and efficient. If a program thinks it may possibly convince prospects as a result of mere words and phrases then it is improper. Best essay writing solutions are recognized by their trustworthiness and higher good materials. The same applies to very best essay writers. There’s no way a high essay creating provider can host writers who will be not trained academically and skillfully.

    http://worldnow.in/essay-help-to-web-personalized-publishing-service/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.