"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Volta – Lo sviluppo dell’area ex Enel tra via Procaccini e via Ceresio

L’ex area ENEL a Porta Volta, a ridosso del piazzale del Cimitero Monumentale, è da tempo abbandonata e in cerca di una sua nuova identità.

Finora è stato restaurato solo il bellissimo edificio realizzato fra il 1937 e il 1940, su progetto dell’ufficio tecnico della società Edison diventata poi Enel, di via Ceresio 7, dove un tempo lavoravano gli impiegati dell’Ente nazionale energia elettrica. Ora è il quartier generale della Dsquared ed ospita anche gli uffici creativi.


Il tema progettuale da affrontare è la riqualificazione con cambio di destinazione d’uso di un’area industriale dismessa attraverso un Piano Integrato di Intervento: 32 mila metri quadri di palazzoni abbandonati, alcuni di pregio e in stile liberty da tutelare.

L’incarico di radazione è stato affidato allo studio di architettura di Giancarlo Perotta, spesso discusso per il modo di progettare affine alla maniera degli anni ’80 e ’90.

Tralasciando gli interventi di restauro e conservazione dell’esistente, trovo questo intervento fermo a trent’anni fa. La piazza che verrebbe creata pare un vecchio centro commerciale; i palazzi presentano un disegno datato; per giunta verrà demolito il vecchio edificio all’angolo tra le vie Niccolini e Procaccini, distinto da un’importante facciata liberty, per far posto a nuove costruzioni dal pregio architettonico discutibile.
Un’occasione sprecata, secondo me. Staremo a vedere, visto che i lavori pare stiano proprio per partire.

Qui di seguito il progetto.

L’hotel e la piazza parcheggio.

L’area del futuro museo del Compasso d’Oro.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.