"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Venezia – San Pietro Celestino quasi una porcellana del settecento, tradotta in pietra

Milano è famosa per avere dei gioiellini architettonici poco considerati e ignorati da chiunque, dal turista al passante, dal milanese verace a chi ci governa. La Graziosa chiesa di San Pietro Celestino si trova in Via Senato; ora è stata convertita per il culto della Chiesa Cristiano Copta Egiziana, ed è ignorata completamente dai più, come altre chiese milanesi.

Dava il nome all’intera contrada su questa porzione di cerchia di Naviglio. Il Mezzanotte la definisce “quasi una porcellana del settecento, tradotta in pietra; internata tra un edificio di carattere piermariniano e la casa canonica” (ormai scomparsa). Ma sorge sopra un luogo di culto più antico di cui rimane qualche affresco e il campanile retrostante, ornato di archetti, chiuso tra i palazzi che fiancheggiano la chiesa. Su tutto risalta la facciata in barocchetto fiorito, oggi ricostruita all’inizio del novecento perché quella originale in pietra arenaria oramai disfatta dall’usura del tempo.
L’interno, più castigato, di pianta rettangolare, è ad una sola navata con volta a botte. I fianchi sono scompartiti da lesene corinzie, a fusto scanalato, fra cui si aprono le cappelle, cinque per parte, con arcate di due diverse altezze alternate. In fondo si apre l’emiciclo dell’abside.
La facciata originale era di Bianco (o Bianchi) Marco, architetto del 18º secolo. Che operò a Milano tra il 1728 e il 1735 e che realizzò le chiese di S. Francesco di Paola, la facciata di S. Bartolomeo (distrutta nel 1861 e che si trovava dove ora c’è Piazza Cavour) e appunto la chiesa di S. Pietro Celestino.
(Lombardia Beni Culturali)

 

 

 

 




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.