"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Carrobbio – Via San Sisto e il sagrato parcheggio

In Via San Sisto, nel cuore della Milano storica, c’è una piccola piazzettina che serviva da sagrato alla graziosa chiesetta barocca di San Sisto.

Secondo Latuada, la fondazione di San Sisto risalirebbe ad un’epoca precedente al re longobardo Desiderio, il quale avrebbe anche fondato un monastero benedettino annesso alla chiesa, ove i monaci rimasero sino a che l’arcivescovo Carlo Borromeo li rimosse a causa del loro stile di vita licenzioso.

Agli inizi del XVII secolo l’arcivescovo Federico Borromeo dispose la ricostruzione dell’antico edificio ormai fatiscente, ma questa venne presto interrotta; il curato dell’epoca tentò allora di coinvolgere nell’impresa la famiglia dei marchesi di Modrone, la cui casa era confinante, e da quel momento fu un lungo susseguirsi di vicissitudini tra i marchesi ed i curati di San Sisto, con dirette ripercussioni sulla fabbrica ecclesiastica.
Con il nuovo compartimento territoriale delle parrocchie della città e dei Corpi Santi di Milano che ebbe pieno effetto dal 25 dicembre 1787 (avviso 16 novembre 1787), la parrocchia di San Sisto fu soppressa e unita alla parrocchia di San Giorgio al Palazzo (Fondo Duplicati).

Durante la Prima guerra mondiale la chiesa fu trasformata in magazzino militare.

Dal 1974, il Civico Studio Museo Francesco Messina è ospitato nell’antica chiesa sconsacrata. L’artista siciliano, ma milanese di adozione, ha voluto infatti che qui fosse conservata una parte della sua opera, grazie al lascito fatto al Comune di Milano.
Il museo, che è stato per diversi anni anche lo studio dell’artista, espone circa ottanta sculture (gessi, terrecotte policrome, bronzi, cere) ed una trentina di opere grafiche (litografie, pastelli, acquerelli, disegni a matita).

La chiesetta di San Sisto ai giorni nostri è circondata dai palazzoni sorti nel dopoguerra sulle macerie dei bombardamenti, incuranti della storia del luogo. A fare compagnia a San Sisto c’è il palazzetto barocco XXXX, unico altro superstite dei tempi andati. Purtroppo non è un caso isolato nel centro di Milano: la guerra prima e la speculazione poi hanno spesso privato della propria anima angoli incantevoli della città. E in più la beffa: gli enti preposti alla tutela dei beni culturali non si preoccupano davvero di proteggere, salvaguardare e promuovere nemmeno quello che già c’è. Così il Museo Messina, ricavato nella chiesa sconsacrata, è un piccolo gioiellino milanese, dimenticato nel suo angolino: la chiesa è decadente, la segnaletica stupida e la piazzettina antistante trattata come il solito parcheggio da supermercato.

 

 

 

 

 

 


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.