"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Darsena – Quando si dice che in Comune non vivono la città

Quando si dice che negli uffici tecnici del Comune non vivono la città è perché spesso fanno delle scelte urbane alquanto discutibili. Un esempio è la nuova rastrelliera collocata ai Navigli, in viale Gorizia tra la Ripa di Porta Ticinese e l’Alzaia Naviglio Pavese. Da poco risistemato, questo marciapiede verrà occupato dalle biciclette del BikeMi a breve, ma forse non si sono resi conto, in Comune, che in questo pezzetto di marciapiede la sera transitano e transiteranno migliaia di persone che passeggiano sempre tra i due navigli. Vorrei vedere come potranno passare le persone quando ci saranno le biciclette, dove già di giorno a stento ne passano tre in contemporanea. Passeranno in molti sulla carreggiata come è sempre successo. Un po’ di buon senso forse basterebbe anche da parte del Comune.

Naturalmente per il discorso dell’arredo urbano, marciapiedi in catrame, pali e lampioni ne parleremo in un altro articolo.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


3 thoughts on “Zona Darsena – Quando si dice che in Comune non vivono la città

  1. foxstefano

    Sindaco? Negli uffici tecnici ci sono sempre gli stessi incompetenti, inamovibili e immutabili qualunque sia la giunta al governo. Peraltro, anche con le giunte precedenti, quel marciapiede era comunque ingombro di venditori ambulanti di cianfrusaglie

  2. landre

    Sarebbe il caso di scrivere formalmente al Comune o prendere contatti con questi “tecnici”.
    Anche se la voglia che ho è di vedere in faccia chi sono, prima per insultarli velatamente e poi discutere le decisioni prima di renderle ufficiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.