"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Centro Direzionale – Via Fara 18, l’occasione sprecata

Via Fara 18 è una nuova costruzione sorta al posto di un parcheggio nel cuore del Centro Direzionale, tra Via Filzi e Via Melchiorre Gioia.

Si tratta di un edificio di 5 piani di architettura semplice e ad uso prettamente residenziale oramai prossimo al completamento.

Come dice il nostro “fotoreporter” Jasper (autore delle foto), il progetto pare nato vecchio, strizza l’occhio all’architettura tradizionale, senza stupire in nessuna direzione. Non si capisce il perché costruire un edifico così “basso” in un quartiere fatto di grattacieli (forse colpa del piano regolatore?). I balconi sono tutti incassati in facciata e non si comprende bene il perché sia stato realizzato un ultimo piano a sottotetto, come se fosse stato previsto in un secondo momento. All’interno, per fortuna, è stato ricavato un bel giardino. Come al solito, in quartieri dove si può osare non si osa e viceversa, in zone caratteristiche per i loro palazzi d’epoca si creano degli ufo atterrati da chissà quale pianeta.

 

2015-10-29_Via Fara 18_1 2015-10-29_Via Fara 18_2 2015-10-29_Via Fara 18_3 2015-10-29_Via Fara 18_4

Alcuni rendering:

Via_Fara_18_D Via_Fara_18_C Via_Fara_18_B Via_Fara_18_A

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Zona Centro Direzionale – Via Fara 18, l’occasione sprecata

  1. Claude

    In alcune parti della citta’ (tipo il centro direzionale) il piano regolatore andrebbe cambiato e andrebbero decisamente aumentate le volumetrie.

    Nel senso:

    personalmente preferisco una citta’ che si sviluppi in altezza e che consumi meno suolo (liberando piu’ aree verdi), piuttosto che il contrario. Perche’ in generale i grattacieli/edifici alti devono essere una cosa di cui aver paura? Specialmente nel centro direzionale poi..

    Bisognerebbe osare molto di piu’, tenendo l’estetica e la tutela dei patrimoni artistici come stella polare.

  2. Graziano

    Ma certo! Finalmente qualcuno l’ha detto!! Perche’ in generale i grattacieli/edifici alti devono essere una cosa di cui aver paura? Sviluppandosi in altezza si lasciano libere eree da adibire al tanto agognato ‘verde’. Eppure, ancor oggi ci son persone che scambiano questo semplicissimo ragionamento, per una mania di ‘grandeur’. Lasciare la terra per il verde, dove si può camminare, correre, giocare. E lasciare il cielo, (dove i bambini…ma anche gli adulti, ovvio, per questioni prettamente ‘fisiche’, non possono volare)…al costruire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.