"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Volta – La polvere sul Monumentale

Il Cimitero Monumentale è una delle mete dei turisti che passano qualche giorno a Milano.

Famoso per l’architettura, per le opere d’arte e per i nomi che vi riposano, secondo noi si meriterebbe una maggiore cura.

Progettato dall’architetto Carlo Maciachini (1818-1899) nello stile di modo a quei tempi, l’eclettismo romantico del neo-romanico/gotico, venne iniziato nel 1864 e aperto nel 1866. Da allora si è arricchito di tombe e sculture importanti, realizzate da altrettanti artisti importanti su commissione di personaggi famosi e non. Per l’altissimo valore artistico delle sculture, edicole funebri e altre opere presenti al suo interno, viene considerato un vero e proprio “museo all’aperto”.

2016-09-11_monumentale_0 2016-09-11_monumentale_0a 2016-09-11_monumentale_1 2016-09-11_monumentale_1a

Tralasciando l’ingresso e il bellissimo famedio, che tutto sommato è ben tenuto, vogliamo portare l’attenzione sul resto del complesso, specie su alcuni particolari che denotano una leggera sciatteria. Per alcune parti ci vorrebbe un intervento di restauro delle murature, in alcuni casi decisamente scrostate e decadenti.

Ma la cosa che ci ha colpito maggiormente è come sia possibile che non esista, specie nella sezione al coperto, una organizzazione che faccia la polvere alle tante sculture che abitano i lunghi corridoi del cimitero. Possibile che del personale con un semplice piumino non possa risolvere questo semplice e naturale fattore? Sappiamo che, oramai, la polvere in alcuni casi si è così radicata e incollata sui marmi che per levarla servirà un vero restauro, ma spesso sculture molto belle e affascinanti sono tristemente ricoperte dalla polvere e forse basterebbe una piccola attenzione in più per evitarlo. Per non parlare dei cassonetti dell’immondizia collocati proprio nei punti più suggestivi, come quelli attorno alla bellissima e fotografatissima tomba di Antonio Bernocchi realizzata da Giannino Castiglioni.

Di seguito alcuni esempi di sculture ricoperte dalla polvere.

2016-09-11_monumentale_2 2016-09-11_monumentale_2a 2016-09-11_monumentale_3 2016-09-11_monumentale_4 2016-09-11_monumentale_5 2016-09-11_monumentale_6 2016-09-11_monumentale_7 2016-09-11_monumentale_8 2016-09-11_monumentale_9 2016-09-11_monumentale_9b 2016-09-11_monumentale_10 2016-09-11_monumentale_11 2016-09-11_monumentale_12 2016-09-11_monumentale_13 2016-09-11_monumentale_13a 2016-09-11_monumentale_14 2016-09-11_monumentale_15 2016-09-11_monumentale_16 2016-09-11_monumentale_17 2016-09-11_monumentale_18 2016-09-11_monumentale_19 2016-09-11_monumentale_20 2016-09-11_monumentale_20b 2016-09-11_monumentale_21 2016-09-11_monumentale_22




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Porta Volta – La polvere sul Monumentale

  1. Minora Adriano

    Quando sono andato a visitarlo con “amici del monumemtale” mi hanno spiegato che la cura delle tombe è a cura delle famiglie e che quindi ci sono tombe più curate e tombe meno curate. Non essendo un vero e proprio museo il cimitero non può prendersi cura di statue di proprietà delle famiglie. È un vero peccato, forse sarebbe il caso che il Monumentale non fosse solo un cimitero comunale, ma un vero e proprio museo.

  2. GArBa

    pur essendo in generale favorevole al mantenimento dei monumenti in condizioni di pulizia, in questo caso non mi trovo d’accordo. trovandosi in un cimitero, la polvere e la patina del tempo costituiscono a mio avviso uno dei fattori che conferiscono a questo e ad altri cimiteri storici presenti nel mondo quella particolare atmosfera che oggi è proprio uno degli elementi di attrazione nei confronti di chi li visita.

    1. Roberto Arsuffi Posta autore

      Anche a me la patina di vecchiume e del tempo che passa non spiace, ma quella polvere eccessiva rendeva la sculture ridicole. Si poteva scrivere: lavami, usando il dito.

      1. GArBa

        sarà che hai fatto foto troppo belle come al solito allora… 😀 a me danno tutte un’idea “cimiteriale” nel senso dei romantici, del tempo che passa sopra il ricordo. ed è pure significativo che nessuno ce lo abbia scritto il “lavami” col dito, segno che effettivamente la patina instilla rispetto nel visitatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.