"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Sempione – Approvata la ciclabile Eurovelo 5

La giunta comunale di Milano ha finalmente approvato il progetto definitivo dell’itinerario ciclabile Eurovelo 5 – Naviglio Pavese, Duomo Sempione, Molino Dorino, Percorso Nord. L’investimento è di quattro milioni di euro e la redazione del progetto è stata affidata a Metropolitana milanese. Si tratta del piano per la lunga ciclabile che attraversa Milano dal centro verso Nord ed è inserito e finanziato nell’ambito del programma europeo Pon Metro dedicato alla mobilità sostenibile che individua itinerari a lunga percorrenza che abbracciano tutto il continente realizzando una rete di percorsi.

Grazie a questo progetto, finalmente Corso Sempione verrà riqualificato completamente, dove le automobili spariranno da sotto gli alberi (dove i fusti saranno protetti da cordoli) con un controviale per ogni direzione.

Nei due parterre laterali del viale, infatti, saranno ricavati i percorsi ciclabili e pedonali, che prenderanno il posto oggi occupato dalle auto parcheggiate disordinatamente tra una pianta e l’altra.

La riqualificazione consentirà di ridisegnare gli spazi della sosta regolare che sarà destinata soprattutto ai residenti, che passeranno da circa 700 a 966 posti. Le corsie centrali del Corso da tre diventeranno 2 e consentiranno il parcheggio laterale, oggi vietato. I lavori dovrebbero concludersi tra gennaio e febbraio del 2021.

Il percorso ciclo-pedonale di corso Sempione si inserisce e si completerà con un sistema di progetti distribuiti lungo la direttrice Nord-Ovest: la riqualificazione di piazza Firenze, la moderazione di velocità (Zona 30) dei controviali di viale Certosa (anch’essi trasformati in zone 30) e il collegamento con il piazzale del Cimitero Maggiore. La ciclabile inoltre sarà collegata attraverso la Zona 30 di via Domodossola alle ciclabili di City Life e Pagano. Il progetto disegnato di Palazzo Marino e da MM ha avuto l’approvazione dei Municipi coinvolti, 1 e 8 dopo avere raccolto le osservazioni assieme a quelle dei comitati di quartiere che da tempo chiedevano questo intervento.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


24 thoughts on “Milano | Sempione – Approvata la ciclabile Eurovelo 5

  1. Anonimo

    fra il dire (proporre, progettare) e il fare c’è di mezzo il mare di scartoffie, caro mio anonimo.
    mare di scartoffie, tempi lunghi che almeno, in questo caso, significano finanziamenti europei.

  2. robi

    le auto in sosta regolare nella corsia centrale non saranno un bel vedere. Naturalmente non citato ma spero che riqualifichino e proteggano anche il parterre tranviario, le fermate rifatte a norma e che prevedano di far scorrere i tram senza perdite di tempo sistematico ad ogni semaforo.
    Andava anche sì eliminato il collegamento con via Procaccini dalle corsie centrali e opposta, lasciando solo il passaggio ai tram per alleggerirne il traffico.

  3. Anonimo

    non credo che ci sia dietro alcuna menzogna, semplicemente i tempi della burocrazia superano l’immaginabile.

    sarebbe interessante poter avere una volta la “blockchain” di un progetto come questo, per vedere tutti i passaggi – e magari anche le lungaggini, per carità: ci saranno uffici più efficienti ed altri meno, meccanismi più veloci ed altri meno.

    di sicuro prima di poter veramente passare dalle parole ai fatti ci sono spesso di mezzo una marea di intoppi.

    1. Anonimo

      Si specie se i progetti sono per i cittadini.

      Se si tratta di iniziative immobiliari di grossi investitori esteri, gli ostacoli e gli intoppi si superano molto più facilmente 🙂

    2. Anonimo

      A Milano abbiamo un “Commissario Straordinario per l’Attuazione dell’Agenda Digitale” e (ovviamente) pure un “Assessore alla Trasformazione Digitale”….non so bene cosa facciano, probabilmente altro.

      Quindi ho il sospetto che dove si arenino i progetti dopo gli “annunci” non lo sapremo così facilmente… Ci restano quindi solo le leggende metropolitane narrate dai poveri amici e parenti che col Comune ci lavorano…spesso suggestive ma purtroppo molto credibili.

  4. Alezio

    Corso Sempione meriterebbe un progetto migliore, magari con qualche fontana qua e la o dei pergolati, piuttosto che una semplice ciclabile e delle banali panchine.

    1. Lorenzo Lamas

      Bene se spariscono le auto dalle aiuole o dai marciapiedi.
      Comunque, come detto da altri, è una ciclabile e nulla più.
      Speravo vivamente in un progetto vero e proprio.
      Qualcuno ha qualche notizia sul progetto saltato?

      Le auto in mezzo non mi garbano molto. Meglio il parcheggio sotterraneo.

    2. Anonimo

      Bene che spariscono le auto (che veramente imbruttiscono il viale) e finalmente si mette una ciclabile e un po di verde. Anche io rilancio con il progetto del geniale e grande Alvaro Siza. Un vero peccato!

  5. Leonardo

    Dopo 50 anni di abbandono, questo progetto è una rivoluzione. Presto arriveranno i comitati che sotto pretesti ridicoli difenderanno i parcheggi nelle aiuole… corso sempione e viale certosa necessitano di mettere ordine. Bene così.
    Speriamo in tempi ragionevoli.

    1. Anonimo

      Ci fosse la metro 6 in progetto, i comitati sarebbero del tutto fuori luogo.

      Con un progetto al ribasso, senza la M6 e nemmeno il parcheggio caldeggiato pure da Sala (che non è certo il portavoce dell’Automobil Club)…come dargli torto.

      Le nozze coi fichi secchi non son mai state di moda.

  6. Anonimo

    Concordo sul fatto che bisognerebbe cominciare a progettare la M6. Una fetta della città così densamente popolata non può essere sprovvista di Metro se veramente vogliamo decongestionare il centro città dalle automobili.

      1. Anonimo

        Qualsiasi cosa ma che la facciano sul serio. Sono veramente stufo degli annunci cui non segue mai nulla.
        Dove sono arrivati con la stazione Tibaldi? Porta Genova la chiudono o era tutto uno scherzo? La Stazione Porta Romana la spostano o no (se ci fanno il Villaggio Olimpico sarà il caso di sbrigarsi coi lavori…)? La MM6 è cancellata per sempre o esiste ancora nel piano Milano 2030?
        I semafori dei tram quando saranno asserviti? Perchè non si parla mai di nuove preferenziali per gli autobus? Perchè non completano la preferenziale della 90/91 in Piazza Stuparich? Perchè viale Umbria continua ad essere un parcheggio e non una preferenziale?
        Dove saranno i parcheggi di corrispondenza della MM4?
        Il prolungamento MM1 a Baggio che se ne parla dagli anni 70 (quando han cancellato il tram)?

  7. UMS

    Se vogliamo rimanere sul tema Eurovelo5, questo sarebbe il percorso. Attraverso Milano dopo Corso Sempione dovrebbe girare da San Vittore/Papiniano e passare lungo il Naviglio Pavese verso Pavia:
    https://en.eurovelo.com/ev5/po-river-plan

    Lo faranno mai? Non mi sembra che la recente riqualificazione di Piazza Sant’Agostino/Mercato di Papiniano abbia tenuto minimamente conto del percorso ciclabile, ma spero di sbagliarmi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.