"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bullona – Le due facce di via Fauché

Via Giovanni Battista Fauchè è una lunga via milanese che unisce piazza Gerusalemme con piazza Caneva nel distretto della Bullona.

Ogni martedì e ogni sabato il Via Fauchè si tiene un ormai caratteristico mercato di bancarelle commerciali di ogni genere.

La via è caratterizzata anche da graziosi palazzi d’epoca, sopratutto liberty, inframezzati da, a volte, discutibili condomini o palazzotti moderni anche un po’ bruttini.

La cosa però che ci ha sempre colpito è il fatto che la via, misteriosamente, è alberata solo nell’ultimo tratto, quello che va da via Losanna sino a piazza Caneva, il resto della via, pur avendo marciapiedi decisamente larghi, è priva di alberature. Con ogni probabilità fu il fatto che la via più prossima a piazza Gerusalemme, sino agli anni Trenta, era vicina anche alla ferrovia che passava nell’odierna piazza Gerusalemme e quindi meno “elegante” e sicuramente utilizzata da spazi commerciali e magazzini che necessitavano più spazio di manovra.

Le alberature nella parte alta della via, sono in acero riccio (con ogni probabilità), non sono piante particolarmente grandi, come possono essere i bagolari e i platani, ma sono molto belle e rigogliose nei mesi con fogliame, creando anche un’utilissima ombreggiatura.

Per via del mercato, in questo tratto, i tronchi degli altri sono ben protetti da eventuali “incidenti” causati da urti con autovetture, tramite gabbie metalliche, cosa che vorremmo venisse messa anche in via Benedetto Marcello, ad esempio.

Purtroppo, come spesso accade, anche in questo caso ogni tanto qualche automobilista vi parcheggia a fianco, invadendo il marciapiede e di fatto rendendo “incivile” la strada. Ma come si può vedere dalle immagini, la via è molto più “vivibile” e godibile.

Il resto di via Fauchè invece (devia Losanna a piazza Gerusalemme), è privo d’alberature e anzi, i marciapiedi così larghi sono un migliore invito al parcheggio selvaggio.

Ogni volta, come per altre strade cittadine, ci chiediamo perché l’intera via non sia alberata, e perché non si rimedi a questo “errore”?




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | Bullona – Le due facce di via Fauché

  1. Marco P.

    Incredibile, quante volte ci sono passato senza prestarci attenzione? Stessa via due trattamenti differenti. Grazie per la segnalazione. Speriamo serva a sistemare in meglio la via.

    Grazie

    1. Anonimo

      Milano è piena di situazioni così, anche in pieno centro.
      Ad esempio, tra via a Torino (lastricata) e corso di Porta Ticinese vero e proprio (lastricato), il primo tratto del corso dal Carrobbio alle Colonne ha invece i marciapiedi asfaltati, tra l’altro con l’asfalto in pessime condizioni.

      In via San Nicolao con gli oneri di urbanizzazione hanno risistemato il marciapiede su un lato della strada, ma non sull’altro.

      Alla Fondazione Feltrinelli a nessuno è venuto in mente di fare il marciapiede sul lato di viale Pasubio uguale a quello sull’altro lato, e così via.

      Perfino in piazza Duomo il marciapiede lato arcivescovado è asfaltato…

  2. GArBa

    gli alberi del settore nord della via erano robinie piantate nel dopoguerra che a fine anni ’90 erano ampiamente a fine ciclo di vita. Ad ogni rovescio si trovavano rami interi a terra. ricordo quando furono disboscate vent’anni or sono e sostituite dalle piante attuali, all’epoca si pensava che le alberature sarebbero proseguite anche nella parte sud, invece no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.