"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Centrale – I Giardini di Macchi 61

In zona Centrale presto sorgerà al posto di un palazzo costruito negli anni Sessanta, un nuovo edificio residenziale.

L’immobile attuale si trova a due passi dalla fermata M2 di Caiazzo in via Mauro Macchi 61.

Il nuovo edificio verrà sopraelevato di due piani, riportando la cortina edilizia alla pari con gli edifici confinanti, realizzati in epoche precedenti.

Il linguaggio architettonico dell’edificio si allinea con le tipologie in voga in questo periodo storico. Una facciata vetrata caratterizza il fronte su via Mauro Macchi, mentre gli ampi terrazzi saranno affacciati tutti sul cortile interno, trasformato in piccolo giardino.

Gli appartamenti di Macchi 61 sono costruiti in classe energetica A con i più moderni criteri di sostenibilità ambientale ed efficienza termica, utilizzando sistemi e materiali di altissima qualità.

Qui il sito per chi interessato.

Qui di seguito alcune immagini del palazzo ancora presente in via Mauro Macchi 61.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | Centrale – I Giardini di Macchi 61

  1. Diego

    A proposito di via Mauro Macchi: l’ex comando della DIA al civico 87 è ancora sfitto, vero? Chissà perché non se lo fila nessuno…

  2. Anonimo

    Dovrebbe essere aperta una discussione sulle architetture anni 60/50 che vengono riammodernate snaturandone il carattere. Molti esempi di quegli anni possono essere definiti brutti e mal progettati, ma più spesso sono palazzi in cui si può apprezzare una certa ricerca architettonica, il cui esito può piacere o meno. In tal caso non mi sembrava fosse un edificio brutto, rimodernarlo significa perdere una testimonianaza i quel periodo di storia.

    1. Anonimo

      Posso essere d’accordo sul concetto in generale, ma girando per Milano (quando si poteva e quando si potrà) salta agli occhi che ti sbagli sulle proporzioni:

      Direi che “più spesso” i palazzi anni 50/60 sono (mi spingerei a dire oggettivamente, non “possono essere definiti”) brutti e mal progettati che non con una ricerca architettonica.

      Parallelepipedi rivestiti in orribile klinker (io lo vieterei per legge) dai colori cupi e tristi ne abbiamo a centinaia a Milano, questo in particolare non sarà una grande perdita.

  3. Anonimo

    Bellissime liane e rampicanti….torneremo a vederle a progetto finito? Ma e’ cosi facile diventare Green!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.