"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Centrale – Gli alberi secchi dal 2018 in via Vittor Pisani

Per la seconda estate (che presto arriva, visto che siamo a giugno), gli alberi in vaso di via Vittor Pisani, zona Centrale, sono il miglior biglietto da visita dell’abbandono di certe zone di questa città.

Infatti era il 2018 quando in via Vittor Pisani, vennero spostati da piazza del Duomo una decina di grossi vasi contenenti alberi già sviluppati utilizzati per una istallazione tenutasi davanti alla Rinascente per il Fuorisalone di quell’anno.

Già lo scorso anno avevamo mostrato come questi begli alberi fossero seccati completamente. Eccoci nel 2020 per mostrarvi come anche quest’anno la situazione è identica alla precedente se non peggio.

Speriamo che prima o poi il Comune si ricordi di questi rami secchi e li rimuova.

Per giunta ci viene spontaneo chiederci una cosa, se sarà questa la premessa per le alberature in Piazza Cordusio o Corso Buenos Aires, visto che sono previste alberature in vaso.

Le foto non sono invernali, ma di pochi giorni fa.

Urbanfile sostiene il Fondo di Mutuo soccorso del Comune di Milano
Clicca qui per acquistare le grafiche dei quartieri e partecipare anche tu a questa iniziativa di solidarietà




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


33 thoughts on “Milano | Centrale – Gli alberi secchi dal 2018 in via Vittor Pisani

  1. Anonimo

    Non c’e’ bisogno di alcun commento la realta’ parla da se’… perseverare con gli stessi errori e’ diabolico..

  2. Anonimo

    Zona dimenticata alla mercè di localini da 4 soldi e prezzi da capogiro, schiamazzi notturni, dormitorio senza fissa dimora, spaccio e disarrredo urbano.

  3. Adriano

    Posso dire Maran dimettiti o devo dire bravo per gli amici fan di un idiota senza precedenti che fa il saputello e non sa gestire due vasi in una via centrale di Milano.

      1. Adriano

        ti ricordo che expo è stato grazie alla moratti e che i progetti delle metro di city life e di porta nuova garibladi sono tutti grazie alle politiche precedenti queste due giunte.. che non sono ancora riusciti a chiudere un progetto serio per gli scali e per i navigli ecc…potrei andare aanti una settimana per far capire quanta incapacità c’è e quanta retorica e incompetenza nell’operato prima della giunta pisapia…però non voglio annoiarmi come voi che siete sempre pronti a difendere l’indifendibile siete ridicoli più degli assessori anonimi vari…

    1. Angelo Berlusconi

      Grande AdriAno, sfoga qui tutta la tua frustrazione per essere un fallito.
      Ennesimo leone da tastiera mononeuronico capace solo di tifare ciecamente per la propria fazione politica, come il solito pollo italiota.
      Ti vogliamo bene lo stesso AdriAno <3

      1. Anonimo

        Tra polli di commentatori e polli di assessori che mettono alberi nei vasi senza porsi il problema di come annaffiarli, qui è una lotta tra titani 🙂

        RIP alberello 🙁

      2. Anonimo

        10:27 e 14:37 Eccoli puntuali come sempre “gli amici fan di un idiota senza precedenti ” .
        Quello che si firma Berlusconi e storpia i nomi poi dev’essere proprio un simpaticone, quello che ti tiene in piedi una serata a forza di barzellette e fa scompisciare dal ridere tutti i suoi fortunati amici (sempre”fan di un idiota senza precedenti”)

      3. Adriano

        Immagino che tu invece non stai insultando Fontana e compagnia bella tutti i giorni…dai non farmi ridere, qui c’è un evidenza e cioè che Maran non è in grado di gestire il verde e che fa le markettate dicendo 3 milioni di alberi….si tutti fuori da milano però….poi fa sant’agostino con catrame e cemento e diventa bravo perchè ha provato a fare qualcosa…sono tutti capaci a fare le cose il problema è il come…e dopo le sciocchezze che ha combinato in via sthendal non è più degno di essere ascoltato….

    2. Anonimo

      Adriano perché quando dai dell’idiota senza precedenti a un personaggio pubblico non ti firmi con il tuo nome e cognome?
      O perché non vai a uno dei tanti incontri che l’assessore organizza e glielo dici in faccia? Non ti vergogni ad essere così codardo di sfogare le tue frustrazioni nei commenti anonimi e non sottoposti a moderazione di un sito che avrebbe lo scopo di portare idee e discussioni civili su tematiche importanti che riguardano la città in cui viviamo?
      Ma è inutile, gli insulti online qualificano chi li fa e fanno capire a tutti (tranne ai tuoi simili) che tipo di persona sei.

      1. Adriano

        AHAHAHA….Maran, guarda evito di farlo perchè è contornato da gente che lo osanna come un fenomeno, mi sono recato una volta quando ha presentato la piazza davanti alla scala, ma ero talmente incazzato che ho evitato di dirgli qualcosa per non essere volgare….cmq il codardo sei tu che sei anonimo…
        Niente cmq voi userete sempre due pesi e due misure, se si critica qualcuno dalla vostra parte politca si è dei codardi e brutte persone se si critica….io sono sempre costruttivo nei miei commenti questa volta però mi sono rotto….dopo le ultime sciocchezze delle piste ora non se ne può più…senza contare la minchata dell’aiuola poco più avanti poi transennata…dai non scherziamo…

        1. Anonimo

          E tu non sei anonimo? Da quando il solo nome di battesimo identifica una persona?
          Bho. Se metto un nome a caso tipo Pippo sei più contento?
          Se poi sei costruttivo tu.. diciamo che pensi di essere più intelligente degli altri ma ti qualifichi sempre per ciò che sei.
          Insultare online è un reato. Meriteresti una denuncia.

        2. Wf

          La verità Adriano è che tu non sopporto le cose giuste che fa Maran…
          😁😁🤣🤣

          tipo la pista ciclabile di corso Buenos Aires…o il cambiare in verde meno auto e urbanistica tattica e zone 30 e reinventing cities etc etc..

          Ma poiché è più difficile attaccarlo su queste tematiche lo attacchi sui vasi da giardino…
          🤣🤣

          Come fosse una Moratti qualunque.. di condominio

          Ti conosco mascherina…

          Vecchia tecnica politica

  4. Anonimo

    Speriamo che adesso non serva una Delibera del Municipio vidimata dal Dirigente Comunale e benedetta dal Presidente Megagalattico per togliere di li quei vasi col cadavere del fu alberello.

  5. Tatino pensabene

    Sono installazioni permanenti – il comune vuole ricordare ai turisti e ai milanesi che il cambiamento climatico è una realtà. E la vegetazione che secca e muore è una delle conseguenze principali delle nostre indifferenze verso le tematiche ambientali.

  6. vitel tunà

    Dovrebbero mettere oleandri e cespugli simili. certo è che i bar nei portici potrebbero prendersene cura. Perché non dare a loro il compito con riduzione delle tasse municipali?

  7. ciapa si e ciapa no

    Gli alberi non durano mai, dovrebbero piantare oleandri e simili. I bar dei portici potrebbero prendersene cura. Io darei il compito a loro, magari con riduzione delle tasse municipali.

    1. Anonimo

      Va sempre tutto bene.

      In fondo erano solo alberi regalati dopo una installazione del Salone del Mobile.
      Speriamo che la prossima volta regalino gli avanzi a qualcun altro, che abbia il minimo interesse e capacità di prendersene cura.

  8. Camillo

    Spero da tempo che qualcuno della giunta vi ascolti o vi assuma, ma vedo che sono o troppo orgogliosi o troppo inetti.

  9. Anonimo

    Questo è il vero arredo urbano, visibile giornalmente, di MILANO. Incapaci di gestire vasi fioriere ecc. Vicino a casa mia é caduto un albero con il nubrifagio del 15 maggio scorso; Non da fastidio a nessuno ma è ancora nell’aiuola (segnalato a Maran).

    1. Anonimo

      In che modo di fronte a questo spreco di denaro, distruzione di alberi, danno di immagine per la citta’ il comune possa aver approvato il progetto di Piazza Cordusio e’ veramente inconcepibile…possono rendere noto alla citta’ cosa e’ successo a questi alberi stecchiti? COME GARANTIRANNO CHE NON ACADIA DI NUOVO? Qualcuno e’ responsabile???

      1. Anonimo

        IL COMUNE DI MILANO DOVREBBE ASSUMERE DEGLI ESPERTI COMPROVATI DI VERDE E FORESTAZIONE URBANA E PAESAGGISTI…CI SONO ANCHE IN ITALIA…MA NORMALMENTE SONO OFUSCATI DA STAR E STARLETTE DEL MONDO DELL’ARCHITETTURA, TUTTOLOGI ED IMPROVVISATORI DELLA CHIACCHIERA GREEN…. MANCA UN DIBATTITO SERIO E DEMOCRATICO,DOVE INTERVENGONO PERSONE COMPETENTI…. Poi gli annunci megalomani si scontrano con questi slberi secchi….

  10. Adriano

    Facciamo così per far contenti i Maran Boys…la dico come parlano i vostri amici dell’anti odio in rete…

    “La dico piano: Maran dimettiti”…

    Così si può dire o sono un odiatore…
    Vi ho già detto che dopo i danni che ha fatto alla mia zona in via sthendal non posso più considerarlo una persona degna di fare delle scelte a Milano…perchè i saputelli non devono fare questo mestiere..
    Lo dico piano… in questo è molto più bravo Granelli almeno usa un po’ di diplomazia poi fa cmq cose che non condivido a pieno però mi sembra più capace almeno a gestire la gente, cosa che un politoc deve saper fare…perchè vi ricordo che questi due assessori che ho menzionato sono politici non tecnici quindi degli argomenti che trattano non ne capiscono nulla…
    Maran è laureato in scienze politiche non ne capisce una mazza di moblità e tanto meno di verde….

    1. Andy77

      Il Povero ADRIANOOOO non può più parcheggiare come gli pare e il comune non gli regala il posto auto. Che poi se vive in via Stendhal potrebbe comprarselo il posto auto dai….
      Questo è il sunto della pochezza e poraccitudine di Adriano…..

  11. tony

    Sempre a lamentarsi del comune, ma i commercianti che sono davanti a ‘sti vasi un secchio d’acqua ogni tanto non potevano darglielo? Non mi sembra sia un’operazione così difficoltosa e dispendiosa. Sempre colpa del comune e mai dei cittadini che se ne fregano della loro città. Speriamo che almeno per i nuovi vasi il comune faccia un’operazione di responsabilizzazione delle realtà di quartiere verso il bene comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.