"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Gentilino – Una piazza “dimenticata” ravvivata dai bambini

Nel quartiere del Gentilino, incastrato tra Porta Ticinese, Porta Lodovica e la Bocconi, là dove sorgeva un grande cimitero (quello del Gentilino, per l’appunto) si trova una graziosa e verdeggiante piazza intitolata a Tito Lucrezio Caro, poeta e filosofo romano.

La piazza quadrata, è circondata da edifici bassi: da un lato quelli appartenenti al deposito dei Tram di Atm, dove si trovano anche spazi espositivi; sul lato meridionale si trova Istituto Tecnico Industriale G. Feltrinelli; mentre sul lato occidentale della piazza si trova la Scuola Primaria Piolti De’ BianchiGaspara Stampa, un bel edificio ottocentesco fortemente degradato; conclude la piazza sul lato orientale il complesso religioso della chiesetta di San Rocco al Gentilino e oratorio.

Il verde, rigoglioso, è formato da un perimetro esterno di grandi platani che ombreggiano in maniera “luminosa” l’area, e da un anello circolare interno di bagolari che ombreggiano in maniera più consistente, regalando un’oasi più fresca nei mesi estivi.

Questa piazza potrebbe essere, secondo noi, molto più viva e un vero spazio sociale, soprattutto per i bambini del quartiere, cosa che non è.

Eppure, come si vede dalle immagini, pare quasi dimenticata. L’arredo del giardinetto crediamo abbia ancora la disposizione degli anni Trenta/Quaranta, cordoli in cemento sagomato a roccia, quattro percorsi pedonali che portano ad un area centrale dove la gente si può sedere sulle sedute in pietra disposte a cerchio. Al centro della piazzetta vi è una misteriosa porzione rialzata, un tempo forse arricchita da qualche pianta e che invece, da decenni, è spoglia, dove l’unica presenza è il palo della luce. Per giunta quando piove l’area centrale, leggermente ribassata rispetto alla piazza, diventa una piccola palude.

Grazie ai bambini che frequentano la scuola elementare Gentilino assieme ai genitori del San Gottardo Meda Montegani Social Street e all’oratorio, la settimana scorsa il verde di piazza Tito Lucrezio Caro è stato arricchito da fiori e piante aromatiche, piantate dagli stessi bambini.

Noi di Urbanfile diremmo che forse, anche il Comune potrebbe fare qualcosa per questa bella piazza, magari sistemando la parte centrale con giochi per i più piccini e rendendola meno “paludosa”.

Gentilino, Porta Ticinese, Porta Lodovica, Bocconi, piazza Tito Lucrezio Caro, Via San Gottardo, Arredo Urbano, Verde Pubblico

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Gentilino – Una piazza “dimenticata” ravvivata dai bambini

  1. Anonimo

    Si potrebbe “agganciare” l’area verde alle scuole, rendendo pedonali pezzi di piazza e eliminando buona parte dei parcheggi e l’area diventerebbe da subito molto più viva è frequentata. Spesso le aree verdi contornate da strade e auto parcheggiate sono poco vissute perché per arrivarci c’è la barriera delle strade trafficate.

    Ottima la piccola riqualificazione dei bambini, un ottimo modo per far loro amare la loro città e coltivare cittadini migliori per il nostro futuro (ne abbiamo un gran bisogno)

  2. Davide

    Ho frequentato L’isituto Feltrinelli sino al 1988..era già così
    Sono passati 30 anni e non hanno fatto niente… a pensarci è incredibile !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.