"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Romana – Torre Faro A2A: maggio 2022, al via il cantiere

Per ora non si sa se il cantiere sia effettivamente partito, visto che ancora non è stato affisso alcun cartello che ne annunci l’avvio, ma intanto è entrata in azione la macchina palificatrice che serve a creare i diaframmi di contenimento per la base del complesso direzionale in costruzione a Porta Romana e a ridosso dell’ex scalo ferroviario.

Si tratta della Torre Faro, il nuovo grattacielo di 144 metri d’altezza e destinato ad accogliere 1.500 lavoratori come nuovo quartier generale di Milano dell’azienda energetica A2A. Torre progettata dagli architetti Antonio Citterio e Patricia Viel.

Grazie agli oneri di urbanizzazione l’edificio sarà al centro di una riqualificazione che riguarderà l’intera area circostante, da via Piacenza scendendo lungo via Crema sino a tutta piazza Trento. Naturalmente sarà integrata anche dal nuovo progetto di Scalo Romana connettendosi ad esso e unendo di fatto i due quartieri separati ora dello scalo ferroviario dismesso.

La torre cilindrica e rastremata avrà una pianta circolare e prevederà i primi 12 piani ad uso uffici, uno Sky Garden a 60 metri di altezza e aperto su uno dei suoi lati, seguiranno altri 10 piani di uffici ed un belvedere, accessibile dal pubblico, posto sulla sommità della torre. In alto un paio di immagini di come potrebbe apparire, anche se i render non sono quelli definitivi. 

Mentre per la riqualificazione del contesto sottostante il disegno si è arricchito grazie alle richieste e alle proposte dei residenti. E così davanti alla chiesa di Sant’Andrea sorgerà un sagrato, mentre all’incrocio con via Salmini si creerà una piccola piazza. Le auto potranno passare, ma a velocità moderata. Di fatto sarà più piacevole camminare dalla stazione M3 di Porta Romana sino alla nuova Torre Faro e proseguire, tra qualche anno, nel nuovo parco al centro di Scalo Roman sino a Fondazione Prada e Symbiosis. Rimane ancora da rivedere la questione dei parcheggi e l’attraversamento di viale Isonzo (accantonata l’ipotesi di passerella, si pensa a un passaggio a raso con semafori intelligenti), il raccordo con lo Scalo.

Il tutto sarà pronto per i Giochi olimpici del 2026.

Qui un po’ di storia sulla vecchia centrale e sul quartiere di Piazza Trento.

Referenze immagini: Antonio Citterio e Patricia Viel, Duepiedisbagliati

Antonio Citterio e Patricia Viel, Torre Faro, Piazza Trento, A2A, Scalo Romana, Via Crema,

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


6 thoughts on “Milano | Porta Romana – Torre Faro A2A: maggio 2022, al via il cantiere

  1. Dan

    Nell’ultima foto (piantina) noto il parcheggio dedicato ai dipendenti di fondazione Prada di colore arancione, perché? È prevista una nuova costruzione?

    Effettivamente un parcheggio davanti al futuro frutta poco, e sinceramente stona anche !

    1. Anonimo

      Non è che ci voleva tanto, gli altri suoi progetti sono tutti variazioni sul tema del parallelepipedo in vetrocemento anni 80.

      sempre detto che era meglio se continuava a disegnare divani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.