"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Zona Magenta – Un bel quartiere di fine Ottocento

Qui fino a metà ottocento c’erano campi coltivati, poche case e qualche fontanile. Il lato meridionale confinava coi Bastioni quattrocenteschi che separavano la campagna dal borgo delle Grazie dove troneggiava la mole possente di Santa Maria delle Grazie col suo prezioso contributo artistico. Il quartiere storico che sorge attorno all’attuale Via XX Settembre non ha un vero nome, di solito lo si identifica come Magenta, specie nella parte a sud, Pagano e Vincenzo Monti a Nord o anche zona XX Settembre, insomma, lo si identifica col nome delle vie che lo disegnano.

Questo bel quartiere sorto alla fine dell’Ottocento per la nuova borghesia meneghina il cui tracciato venne creato dal Piano Beruto (1884-1889), è rimasto quasi intatto fino a noi con poche varianti modernizzate, dovute a guasti bellici o a volontà speculative o di rinnovo. Circondato dalla sopracitata Chiesa di Santa Maria delle Grazie, dalla Stazione Cadorna, dal Parco Sempione e dall’ex scalo ferroviario ora trasformato in parco Pallavicino. Lo stile generale degli immobili è eclettico, rimandi a palazzi nobiliari del Cinque-Seicento o al Quattrocento lombardo, fino allo stile Liberty floreale o tendente al Decò.

Quartiere+Magenta.png

 2013-04-23+Quartiere+Magenta+10.jpg
 2013-04-23+Quartiere+Magenta+1.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+11.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+12.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+30.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+31.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+32.jpg
2013-04-23 Quartiere Magenta 16
2013-04-23+Quartiere+Magenta+33.jpg
2013-04-23+Quartiere+Magenta+38.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+40.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+41.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+46.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+47.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+48.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+49.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+58.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+50.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+9.jpg

Alcuni capolavori nel quartiere sono:

Casa Bosisio (1905/6), in via Aurelio Saffi 8 dalle decorazioni liberty.
2013-04-23+Quartiere+Magenta+13.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+17.jpg

 

La Casa Laugier (1905/6) in Corso Magenta 96, proprio all’angolo con Piazzale Baracca, oltre alla gradevole decorazione liberty, anche la farmacia d’angolo è un capolavoro dello stesso periodo.

2013-04-23+Quartiere+Magenta+Casa+Laugier+.jpg

 

 

Sede della Società Metallurgica Italiana Milano, via Leopardi 16-18 realizzata da Piero Portaluppi tra il 1924 e il 1926.

2013-04-23+Quartiere+Magenta+3.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+5.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+6.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+7.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+8.jpg

Di fronte, al civico 15 della stesa via si trova l’edificio residenziale e per uffici costruito nel 1961 da Vico Magistretti, il quale ha disegnato un edificio che interrompe brutalmente l’armonia della via.

2013-04-23+Quartiere+Magenta+2.jpg

Via Leopardi 15 – Vico Magistretti

Chiesa di Santa Maria Segreta. Costruita nel 1912, in Piazza Tommaseo, che ha “ereditato” sia il nome che la pianta e alcuni arredi da quella demolita al Cordusio, abbattuta per creare spazio al nuovo palazzo delle Regie Poste. La nuova chiesa fu completata nel 1918. Sul suo fianco venne anche ricostruita la facciata con colonne della demolita chiesa di San Giovanni alle Case Rotte. Mentre all’interno si trova il fregio ora nella Cappella del battistero, proveniente dall’anchessa demolita chiesa di San Vittore al Teatro che si trovava dove oggi c’è Piazza degli Affari.

2013-04-23+Quartiere+Magenta+27.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+28.jpg

L’Istituto Marcelline in Piazza Tommaseo del 1906 in stile rinascimentale con un bel portale in marmo.
2013-04-23+Quartiere+Magenta+26.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+25.jpg

Casa Donzelli Via Torquato Tasso, 8 – Realizzata da Enrico Zanoni in stile Liberty e Decò di inizio Novecento. Presenta un arco ribassato, su cui si erge sull’architrave il busto di Torquato Tasso, funge da elemento caratterizzante per l’ingresso.

2013-04-23+Quartiere+Magenta+53.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+56.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+57.jpg

Casa Apostolo Via Torquato Tasso, 12 – Eretta nel 1906-7 in stile Liberty-Decò con un sapore un po’ egizio, disegnata dal futuro architetto della Stazione Centrale, Ulisse Stacchini (1871-1947), presenta finestre inquadrate da essenziali cornici in muratura e balconi con pregevoli balaustre in cemento e ferro.
2013-04-23+Quartiere+Magenta+54.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+55.jpg

La bella palazzina in Via Pietro Tamburini, 8 con facciata in mosaico colorato in stile moresco e cancellata Liberty molto elaborata era di proprietà di Remigio Cusini. Si tratta del villino “Maria Luisa”, costruito nel 1906. Ma le decorazioni in ferro battuto sono di Alessandro Mazzucotelli che li realizzò dopo che il proprietario volle ristrutturare la casa nel 1924.

2013-04-23+Quartiere+Magenta+21.jpg

2013-04-23+Quartiere+Magenta+22.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+23.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+24.jpg

La villetta in Via Giuseppe Sommaruga al numero 2 in stile Neorinascimentale e dove sono inseriti nella parete degli elementi di recupero, forse originali d’antiquariato.

2013-04-23+Quartiere+Magenta+19.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+20.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+18.jpg

In via XX Settembre vi erano due villini molto eleganti e famosi: il Villino Hoepli (1894-1896), di proprietà dell’editore svizzero Ulrico Hoepli e il Villino Francetti Frova (1895-1896) dalla caratteristica torre ottagonale d’angolo, coronata da una loggetta a cupolino, entrambi demoliti nel dopoguerra.

In Via Lodovico Ariosto 21 si trova la casa Cavalli Agostoni, in puro stile liberty, con dei graziosi bassorilievi rappresentanti le quattro stagioni.

2013-04-23+Quartiere+Magenta+51.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+52.jpg

In Via Mascheroni una serie di case molto particolari, al 18 troviamo Casa Felisari Carugati, progettata da Giulio Ulisse Arata nel 1908seguita al numero 20 da un edificio liberty-decò molto decorato progettato nel 1914 da Cesare Tenxa e Angelo Chiappa (rovinato ultimamente da un sopralzo alquanto discutibile).

2013-04-23+Quartiere+Magenta+37.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+34.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+35.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+36.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+43.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+39.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+75.jpg 2013-04-23+Quartiere+Magenta+44.jpg

2013-04-23+Quartiere+Magenta+42.jpg

Via Mascheroni verso CityLife

Torre al Parco in via Revere al 2. Costruita nel 1953-1956 da Vico Magistretti con la collaborazione di Franco Longoni, un grattacielo che rompe lo schema del quartiere ottocentesco salendo fino ai venti piani.

2013-04-25+16.19.08.jpg

Torre al Parco in via Revere al 2

Per finire sul curioso sopralzo in via Petrarca al numero 4, dove alcuni anni fa venne sopralzato il palazzo eclettico da un intervento un po’ ardito, ma ricercato.

2013-04-23+Quartiere+Magenta+15.jpg

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


2 thoughts on “Milano | Zona Magenta – Un bel quartiere di fine Ottocento

  1. achab

    Non siamo più abituati a camminare guardando le architetture. Se lo facessimo ci sorprenderemmo spesso, magari soffermandoci su un balcone o su una cornice di una finestra. Forse aveva ragione Hundertwasser che nella sua crociata contro il razionalismo in architettura. Guardando le ceramiche decorate sui palazzi credo che questo genere di decorazioni potrebbe adattarsi bene anche all’architettura contemporanea, arricchendola. Tra l’altro potrebbe essere un nuovo mercato per la Richard Ginori che naviga in brutte acque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.