"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Macao e il Teatro Manzoni

Macao ha occupato un nuovo spazio abbandonato da tempo. Il cosiddetto collettivo dei lavoratori dell’arte ha colpito di nuovo, a un anno di distanza dall’occupazione della torre Galfa. Questa volta è toccato al Teatro Manzoni.
Il meraviglioso cinema dalla fantastica architettura anni Cinquanta, sorge all’interno di uno stabile – chiamato Centro Eva – che venne edificato nel dopoguerra, per la precisione nel 1947. La sala teatrale e cinematografica iniziò l’attività nel 1950. La sala prende il nome dalla via e soprattutto dal Teatro Manzoni, che era situato in piazza San Fedele. Edificato nel 1870 come Teatro della Commedia, è stato distrutto dai bombardamenti nel 1943. Ora il cinema è in disuso da almeno 4/5 anni, in attesa di essere convertito ad altro scopo. Macao dichiara di aver occupato il cinema per sensibilizzare le autorità perché non lascino in preda a quelli che chiamano speculatori questo spazio culturale.

Garantire che all’interno del progetto di ristrutturazione, proposto dalla proprietà per l’ex cinema Manzoni, vengano dedicati spazi per la cultura. È quanto il Comune, nel rispetto dei ruoli e nell’ottica di superare l’attuale stato di abbandono dell’immobile, sta negoziando, dal momento che questa struttura, chiusa da molto tempo, è da sempre privata. «Questa Amministrazione, inoltre, nell’ambito delle proprie competenze, ha avviato, con Temporiuso, un percorso con l’obiettivo restituire alla cultura spazi abbandonati affidandoli ad associazioni presenti sul territorio, attraverso bandi trasparenti cui si può partecipare, in un rapporto di dialogo costruttivo, dando vita a progetti e esperienze culturali e sociali importanti per la città”, hanno detto la vicesindaco Lucia De Cesaris e l’assessore alla Cultura, Filippo Del Corno.

Fonti Corriere della Sera

La Galleria Manzoni


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.