"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Venezia – Corso Buenos Aires, la vetrina incompiuta – Parte 3

ARREDO URBANO

Corso Buenos Aires più verde, con meno traffico e con un mix commerciale diverso da quello che si trova adesso. È questo il risultato di un sondaggio (promosso dal consiglio di Zona 3 e realizzato poche settimane fa) a cui hanno risposto 523 residenti di zona sul livello di gradimento di una delle arterie stradali più famose di Milano. Le richieste dei residenti riguardano soprattutto questioni di estetica e di fruibilità. Al 50 per cento degli intervistati corso Buenos Aires non piace e non riesce nemmeno a guardare le vetrine, per il 75% non è agevole muoversi. Addirittura l’82 per cento ritiene invece che la priorità sia la presenza di alberi, mentre solo il 14 per cento richiede delle panchine. Ma il dato più significativo riguarda i mezzi utilizzati per raggiungere la via: l’89% degli intervistati ci arriva con la metropolitana, a piedi o con la propria bici, solo il 4% ci arriva in auto. (La Repubblica)

I lavori per il rifacimento del corso iniziarono nel 2011 (per volere della giunta Moratti) e dopo due anni si conclusero. All’inizio vennero promessi gli alberi ma poi, per problemi delle strutture della metropolitana troppo vicine alla superficie, le piante non si poterono piantare. Il rifacimento consistette nella semplice e sommaria sistemazione con pietre di beola dei marciapiedi. Venne promesso anche un “arredo urbano” degno della via commerciale più importante d’Italia, ma la situazione ancora oggi appare immutata, se non addirittura peggiorata.

Tralasciando la parte architettonica, che abbiamo visto nel secondo capitolo del nostro reportage e per la quale ben poco può essere fatto, ci focalizziamo sulla totale mancanza di arredo urbano.

Lampade appese in modo disordinato che creano un cielo solcato da migliaia di cavi .

2016_Corso_Buenos_Aires_150

 

Un accenno di alberature lo si ha nel primissimo tratto, quello più largo dove via Spallanzani si innesta nel Corso, dove sono presenti due alberelli.

2016_Corso_Buenos_Aires_3

2016_Corso_Buenos_Aires_4

2016_Corso_Buenos_Aires_4A

 

Altre piante si trovano nei vasi collocati dalla giunta Albertini (dal 1997 al 2006) per un eventuale arredo urbano mai più attuato.

2016_Corso_Buenos_Aires_10 2016_Corso_Buenos_Aires_10A 2016_Corso_Buenos_Aires_10C 2016_Corso_Buenos_Aires_10D 2016_Corso_Buenos_Aires_10F 2016_Corso_Buenos_Aires_10E 2016_Corso_Buenos_Aires_15 2016_Corso_Buenos_Aires_15B 2016_Corso_Buenos_Aires_15C

Poi il resto… in una tremenda sciatteria:

Le colonnine dei taxi, decisamente trascurate e sporche.

2016_Corso_Buenos_Aires_29 2016_Corso_Buenos_Aires_29A

Un cartellone stradale che starebbe bene solo in autostrada, possibile che non ci fosse un sistema migliore per segnalare la svolta in piazza Oberdan? Senza menzionare gli onnipresenti motorini parcheggiati ovunque.

2016_Corso_Buenos_Aires_28

2016_Corso_Buenos_Aires_17 2016_Corso_Buenos_Aires_46

E poi, ecco altre immagini della via più commerciale d’Italia, paragonabile solo alla Fifth Avenue di New York o ad Oxford Street di Londra (nei nostri sogni…)

2016_Corso_Buenos_Aires_17 2016_Corso_Buenos_Aires_46 2016_Corso_Buenos_Aires_5 2016_Corso_Buenos_Aires_7 2016_Corso_Buenos_Aires_8 2016_Corso_Buenos_Aires_9 2016_Corso_Buenos_Aires_13 2016_Corso_Buenos_Aires_14 2016_Corso_Buenos_Aires_19 2016_Corso_Buenos_Aires_27 2016_Corso_Buenos_Aires_30 2016_Corso_Buenos_Aires_35 2016_Corso_Buenos_Aires_36 2016_Corso_Buenos_Aires_38 2016_Corso_Buenos_Aires_50 2016_Corso_Buenos_Aires_59 2016_Corso_Buenos_Aires_60 2016_Corso_Buenos_Aires_61 2016_Corso_Buenos_Aires_62 2016_Corso_Buenos_Aires_68 2016_Corso_Buenos_Aires_74 2016_Corso_Buenos_Aires_78 2016_Corso_Buenos_Aires_82 2016_Corso_Buenos_Aires_87 2016_Corso_Buenos_Aires_107 2016_Corso_Buenos_Aires_114 2016_Corso_Buenos_Aires_118 2016_Corso_Buenos_Aires_119

Non che la situazione sia migliore nelle due piazze che scandiscono il lungo percorso del Corso, Piazza Lima e Piazza Argentina.

2016_Corso_Buenos_Aires_85

2016_Corso_Buenos_Aires_106 2016_Corso_Buenos_Aires_105 2016_Corso_Buenos_Aires_104

Che dire dell’edicola di Piazza Argentina? Possibile che dal Comune non arrivi un richiamo per decoro pubblico?

2016_Corso_Buenos_Aires_98 2016_Corso_Buenos_Aires_99 2016_Corso_Buenos_Aires_100 2016_Corso_Buenos_Aires_101

Un accenno al traffico che è sempre sostenuto e che rende questa una delle vie più caotiche della città, altro elemento di grave disordine sono le perenni auto parcheggiate in doppia fila.

2016_Corso_Buenos_Aires_44

 

Per ultima lasciamo questa bell’immagine del semaforo di Viale Regina Giovanna dove le strisce, anziché seguire una più perfetta riga dritta, sono state adeguate alle strutture preesistenti mal collocate nella via.

2016_Corso_Buenos_Aires_18

 

Insomma, sappiamo che quello da noi scritto servirà a ben poco, ma onestamente riteniamo che Corso Buenos Aires si meriterebbe un trattamento migliore. Da tempo si parla di una sua pedonalizzazione, certo non sarebbe male ma siamo consapevoli che questo creerebbe non pochi disagi al traffico dell’intera città.

L’associazione che si occupa di gestire eventi e altro coordinata dai commercianti della via pare non interessarsi per nulla al contesto.

Qui andrebbero realizzati marciapiedi più larghi, magari eliminando completamente i parcheggi ai lati. Andrebbero sistemate delle fioriere, dei lampioni che siano iconici. Gli orologi dovrebbero essere collocati secondo una logica e non a vanvera come ora. Le bici e i motorini andrebbero magari parcheggiati nelle vie laterali per non creare problemi ai pedoni e alla folla. In pratica manca un’idea generale di arredo urbano (qui come in altre parti di Milano) da decenni.

Sotto l’impietoso paragone con Oxford Street di Londra, fate voi…

Londra_Esempio_Arredo_Urbano_1 Londra_Esempio_Arredo_Urbano_2 Londra_Esempio_Arredo_Urbano_3

 

 


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


10 thoughts on “Milano | Porta Venezia – Corso Buenos Aires, la vetrina incompiuta – Parte 3

  1. max.rox

    Ma che senso ha chiedere ai residenti con quale mezzo raggiungono il corso? Per poi stupirsi che solo il 4 per cento arriva in auto…

  2. wf

    Corso Buenos Aires è sotto ostaggio di basco Aires, che non vuole perdere nemmeno un parcheggio in doppia fila. Punto.

    E questo è un problema per
    immagine internazionale di Milano nel suo complesso.
    Che tipo di immagine di Milano crediate si porti a casa un turista che si ferma a fare shopping sul corso quando torna a casa dopo aver passeggiato in mezzo al grigio continuo e totale della via circondato da puzza di tubi di scarico e clacson ai semafori.

  3. -Ale-

    E’ una tangenziale con i negozi intorno.
    In estate non c’è ombra e ti sciogli dal caldo.

    Dopo la Darsena questa è la nuova area da far risorgere.

    Capisco che il corso non è utilizzato solo da residenti e clienti dei negozi, ma anche da chi semplicemente lo attraversa. Chiudere totalmente potrebbe davvero impattare pesantemente sulla viabilità cittadina… ma sono certo che i marciapiedi si possono allargare, alberare, abbellire, ordinare…

    1. Claudio K.

      Basterebbe farlo a senso unico verso la periferia, oppure metà a senso unico in una direzione e metà nell’altra, per ridurre drasticamente il traffico di attraversamento.

  4. Marco Rossi

    Si potrebbe sapere dove sia finito l’orologio a parallelepipedo che abbelliva l’angolo di corso Buenos Aires con piazza Oberdan, rimosso dopo il restauro della copertura del diurno Venezia? Era analogo a quello esistente in piazza Lima, e a Milano ne sono rimasti pochissimi. Mi pare solo in piazza Lima, in piazza Tricolore, in piazza De Angeli, in piazza IV Novembre e in piazza Cavour. Perché togliere un simbolo abbastanza iconico della piazza?

  5. Gabriele Mariani

    Giusto per precisare :
    Pur essendo presidente di commissione urbanistica di Zona 3 uscente ,
    Il sondaggio è una iniziativa mia, a titolo personale e non del l’istituzione Consiglio di zona 3.

  6. Marshall

    La vera differenza on Oxford Street la fanno le auto e le moto in sosta.
    Poi ci sono i chioschi, malfatti anche quando nuovi e ingombri di oggetti esposti esternamente.
    E infine il caos visivo prodotto dagli spazi pubblicitari: troppi e mal collocati.
    Infine tutto l’arredo urbano disomogeneo collocato in modo disordinato e disegnato in modo trascurato e poco attento all’estetica e al decoro.
    Un esempio sono i pali dei semafori non verniciati e con un grumo di calcestruzzo alla base anziche l’elegante plintino metallico londinese.
    In generale in Oxford street la mano pubblica si fa sentire molto di più che in corso Buenos Aires.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.