"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Pietro in Sala – Cantiere Wagner: aggiornamento fine maggio

Ecco le ultime immagini dal cantiere di Piazza Wagner. Finalmente possiamo dire che la chiesa di San Pietro in Sala ha  un sagrato degno di una chiesa.

2016-05-23_Wagner_1 2016-05-23_Wagner_2 2016-05-23_Wagner_3 2016-05-23_Wagner_4 2016-05-23_Wagner_5 2016-05-23_Wagner_6 2016-05-23_Wagner_7 2016-05-23_Wagner_8 2016-05-23_Wagner_9 2016-05-23_Wagner_10 2016-05-23_Wagner_11


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | San Pietro in Sala – Cantiere Wagner: aggiornamento fine maggio

  1. Anonimo

    Si poteva osare di più e sottrarre molto più spazio alle auto. La strada davanti al sagrato è esageratamente larga e infatti consente alle auto di parcheggiare e consente anche la doppia fila, PERICOLOSISSIMA per gli utenti deboli della strada. Mi chiedo, quando si capirà che le strade vanno ripensate totalmente e ridisegnate in corsie che impediscano i comportamenti scorretti?

  2. Renato S.

    Persevero nel contestare la discutibile qualità di questi selciati, ottenuti riciclando senza alcun trattamento i lastroni in precedenza utilizzati per la sede stradale.
    Risultato: luci enormi tra una pietra e l’altra – pericolose per anziani e carrozzine – nonché dislivelli e sconnessure inadeguati a una serena fruizione pedonale. Ma l’esempio di piazza Missori non è servito a nulla.
    Speriamo solo che, prima o poi, qualche azzeccabargugli in caccia di risarcimenti funambolici non costringa il Comune a fare tutto da capo.
    Quanto al layout della piazza, difficile non condividere quanto scritto più sopra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.