"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Baggio – Ora ci sono i soldi per il Marchiondi

Il Sindaco Beppe Sala ha dichiarato pochi giorni fa, che una parte del “bottino” incassato per la vendita del Pirellino (UTC Pirelli 39), potrà essere destinata, tra le varie, all’ex-istituto Marchiondi a Baggio.

Infatti venerdì scorso, abbiamo visto che Coima Sgr ha pagato l’acquisto del palazzo che scavalca via Melchiorre Gioia a Porta Nuova Varesine, l’esorbitante somma di 190 milioni di euro (raddoppiando il prezzo di partenza che era 90 milioni). Il risultato di questa straordinaria vendita è anche merito del fortunato momento storico che vive la città e che ne dimostra il grande potenziale.

I soldi accaparrati verranno distribuiti per le periferie, sicuramente per il Marchiondi, sul quale si era già discusso da diverse settimane, soprattutto per via del vincolo della Sovrintendenza ai beni architettonici che ne vincola l’aspetto e la storia. Il Sindaco a tal proposito chiedeva più flessibilità di modo da poter salvare dall’abbandono decennale il complesso di Baggio in via Noale, costruito in stile brutalista nel 1957 su progetto di Vittoriano Viganò.

Il resto della somma servirà anche per realizzare nel prossimo futuro il Federal Building (ma chiamarlo Uffici Amministrativi?), pensato per lo spazio comunale di San Rocco in via Cenisio a ridosso della fermata della Lilla.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Baggio – Ora ci sono i soldi per il Marchiondi

      1. Anonimo

        Credo fosse un pesce d’aprile di UF in cui Pierre è caduto come una pera matura.

        O almeno…è un pesce d’aprile, vero?

  1. Anonimo

    Se il Comune me lo avesse chiesto gli avrei suggerito millemila altri modi diversi per spendere i soldi che gli avanzano dopo la vendita del palazzo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.