"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Mind: a che punto siamo ad ottobre 2020?

A cinque anni dalla fine di Expo 2015, siamo tornati a vedere come procedono i lavori di MIND – Milano Innovation District – la nuova grande sfida della nostra città.

L’area MIND che nel 2015 ospitò l’Esposizione Universale Milano 2015 (posto tra Cascina Merlata, Roserio e Fiera Rho) sta cambiando volto. 

Adesso è Lendlease, lo sviluppatore immobiliare chiamato a ridisegnare l’area (oltre un milione di metri quadri, cinque volte Porta Nuova) a dare, insieme ad Arexpo, la spinta decisiva per rendere MIND il più grande distretto dell’innovazione pubblico e privato italiano, al livello delle migliori eccellenze internazionali. 

I primi segni si sono già visti con la costruzione del Nuovo Ospedale Galeazzi, arrivato al sedicesimo piano, e con i lavori per i nuovi laboratori attorno a Palazzo Italia, la sede della Fondazione Human Technopole completamente rifunzionalizzata in questi anni. 

Le aree in cui è stato diviso il sito sono sostanzialmente tre:

West Gate: in quest’area si sta già costruendo il nuovo Galeazzi, alto più di 90 metri e disegnato da Binini & Partner. Manca davvero poco a raggiungere il tetto, mente nell’imponente base si stanno posando già le enormi vetrate. Quest’area sarà la prima a vedere i grandi cantieri e sono già stati individuati gli architetti che disegneranno i vari edifici. L’idea progettuale è quella di un insediamento urbano che ricordi le tipologie edilizie della città di Milano, infatti nessuno di questi edifici supererà in altezza l’ospedale Galeazzi.

Green Heart: è l’area dove sorgeranno i Grandi Parchi del Cibo e della Salute e del Decumano, in continuità con l’area del West Gate. Qui si è già insediato Human Technopole, il centro di ricerca voluto come volano per quest’area e che con il completamento di Palazzo Italia e dei primi laboratori, già nella primavera del 2021 vedrà all’opera qualche centinaio di studiosi. A Palazzo Italia verrà affiancato un nuovo bellissimo edificio, progettato da Piuarch e che darà maggior respiro a questa importantissima realtà nata sulle ceneri di Expo.

Knowledge Hub: qui si insedieranno il campus della Statale (l’annuncio è previsto per novembre 2020) e la maggior parte delle strutture sportive e culturali, inserite nel contesto del Parco dello Sport e dell’Intrattenimento. La collina mediterranea è rimasta e verrà inglobata nel progetto del Parco Verde e Blu, insieme al sistema esistente dei canali che circondava il sito, ancora in ottimo stato, e che verrà il più possibile ampliato verso il centro dell’area, creando così un dialogo più forte tra verde e acqua.

Sono e saranno ancora ben visibili il Cardo e il Decumano, anche se solo parte delle strutture che sostenevano gli ampi velabri saranno mantenute, che, attraverso il sistema verde dei Grandi Parchi, si allargheranno verso il centro delle aree di sviluppo private. 

Si sta pensando come rifunzionalizzare l’Albero della Vita, destinato a rimanere in sito e come ripensare l’Open Theatre che si trova vicino alla futura stazione ferroviaria di Cascina Merlata e che fungerà da ponte con l’altro grande progetto di sviluppo portato avanti da Euromilano.

E’ stato davvero emozionante rientrare in questo enorme spazio che per 6 mesi è stata la casa di praticamente tutti i milanesi e la cosa che più è balzata agli occhi è l’ordine e la cura con cui sono state mantenute le strutture, anche quelle per le quali è prevista la demolizione. Già arrivando dalla stazione si vede che tutto è in ordine e che si è cercato di evitare quel senso si degrado che spesso riempie le zone in via di trasformazione.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Claudio Nelli, 43 anni, milanese, nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione. Ma il percorso non poteva finire qui e nel 2015 fonda Dodecaedro Urbano, un contenitore per nuovi progetti e nuove sfide che coinvolgeranno sempre di più lo sfaccettato mondo delle città


17 thoughts on “Milano | Mind: a che punto siamo ad ottobre 2020?

  1. Luca

    Io lo sposterei nello scalo romana, posizionandolo al centro di un parco/giardino appositamente realizzato. Lo attiverei una volta a settimana.

  2. Gianmarino Maurilio Colnago

    Cardo e decumano diverranno fondamentali per quest’area Mediolanense del 3° millennio. lascerei l’albero della vita dove si trova ora. Invece invito tutti coloro che seguono la pagina di Urban File a valutare una diversa collocazione del cavallo di Leonardo, donato con tanto amore verso la citta di Milano e ora relegato all’Ippodromo. Ebbene con uno sforzo di immaginazione proviamo a pensare ad una piazza podio, oppure anche ad un podio verde o ipogeo, che sia fulcro del nuovo quartiere che si andrà formando a Porta Romana. In mezzo a questa piazza si posizioni il cavallo leonardesco in modo sapiente, che consenta visioni prospettiche “neo-rinascimentali”. Renderemo giustizia alla fusione di un cavallo in bronzo più grande del mondo, La porta che indicava la strada verso Roma avrà un nuovo fulcro; prestigioso motore di creatività milanese nella zona di futura dedizione alla creatività.

    1. Dario

      D’accordissimo con te! Il.cavallo la dove e’ ora non ha senso, e fuori da qualsiasi “rotta” turistica! Ci vorrebbe cosi poco….

  3. Anonimo

    L’albero della vita come il Cavallo di Leonardo andrebbe spostato in una zona centrale di Milano ed acceso una volta al giorno come attrazione turistica. Abbandonato li lontano da tutto e tutti è un vero spreco.

    1. Anonimo

      e se la piantassimo di mettere tutto in centro e iniziassimo ad investire perché anche il turismo si spinga in altri quartieri? Casomai il problema sarà cosa affiancare all’albero della vita perché un turista (locale o di altra regione o straniero) si senta invogliato ad andare a MIND. Problema comune ad altre città dove i monumenti simbolo sono isolati (ad esempio Atomium di Bruxelles)

      1. Anonimo

        Ma secondo te veramente un gruppo di turisti che viene a Milano magari per il week-end si fa 30 minuto di metro ad andare e 30 minuti a tornare per vedere l’albero della vita ? Non ho parole di come ragiona certa gente…
        Mettiamo prima a posto il centro e quando dico a posto intendo una città ricca di simboli iconici da visitare e che magari possono diventare il nostro biglietto da visita nel l’ondo come lo è la torre Eiffel a Parigi. Una volta sistemato il centro provvederemo a spingere il turismo o in altre zone. Milano è una cotta interessante, ma tornando con i piedi per terra, non è né Londra o Parigi che comunque meritano un soggiorno di ben più di un weekend per visitare i diversi quartieri di interesse turistico

    2. enrico

      Ma no! A me non piace, onestamente, però è giusto che stia lì. Anzi, io sposterei roba dal centro alle perferie, casomai.

  4. enrico

    Il Galeazzi veramente brutto però, sembra uno di quei catafalchi anni Ottanta di Ligresti. Speriamo che il resto dell’area veda sorgere edifici di maggior pregio architettonico e un po’ più contemporanei nella filosofia (meno pesanti, più innovativi non solo nelel forme ma nelle tecniche e nei materiali edilizi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.