"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Carrobbio – L’hotel Ariston, il Comune e la torre romana

Al Carrobbio è stata completata la riqualificazione del palazzo dell’Hotel Ariston che affaccia proprio sul largo posto al crocicchio tra l’area delle Cinque Vie, Via Torino e le Colonne di San Lorenzo. L’edificio, assieme al dirimpettaio (via Medici 2) forma l’iconico aspetto del Carrobbio, quello di due edifici sorti nel dopoguerra che ricordano due antiche torri medievali (forse un accenno alla storica Porta Ticinensis, di epoca romana qui presente un tempo). Questo perché rivestite in mattoncini rossi (una più rossa e moderna dell’altra a dire il vero).

Il progetto per l’ampliamento è dell’Architetto Filippo Maria Calderazzi del gruppo G6 | ARCHITETTURA (Gherardini6). Mentre gli interni sono curati dall’Arch. Coriglione e dell’Arch. Barbara Bartocci.

L’intervento esteriormente ha visto la riparazione delle facciate e la realizzazione di un ulteriore piano panoramico sul terrazzo del 9° piano.

Qui il lato da via Medici .

Dobbiamo dire un bell’intervento, che sarebbe bello venisse replicato al palazzo vicino e gemello, così da pareggiare le altezze e “ripulirle” da ogni orpello aggiunto in sommità.

Finalmente davanti all’Hotel è stato eliminato il brutto parcheggio e al suo posto è stato creato un parterre decente, rivestito in pietra con l’inserimento di fioriere e sedute per i clienti dell’hotel. peccato che, come al solito, spesso privati, Comune, Sovrintendenza e buon senso, naufraghino in incomprensibili soluzioni. Soprattutto la Sovrintendenza che interviene spesso dove non dovrebbe e si nega in altre occasioni, come in questo caso.

Ci riferiamo al contesto, al fatto che dietro la piccola e inutile casetta ci sia una delle torri di Milano più antiche, facente parte delle mura di cinta della Mediolanum Imperiale, non lontana dall’antica Porta Ticinesi. Insomma un reperto antico in una città che avrebbe fame di ritrovare la sua antica storia ma che se ne dimentica sempre.

Largo Carrobbio è uno “schifo” come si vede, e il Comune non ha mai, mai provato a pensare ad una sua riqualificazione.

Non sarebbe buona cosa che chi di dovere acquistasse il piccolo immobile, alquanto brutto, di largo Carrobbio 4, quello che cela sul retro l’antica torre e lo demolisse per mettere in risalto l’antico manufatto? Magari sistemando anche la parete cieca del palazzo confinante eliminando quegli orrendi cartelloni pubblicitari?

Qui di seguito una mia elaborazione di come trasformerei largo Carrobbio mettendo in evidenza la torre medievale e inserendo un murale che riproducesse la torre con l’aspetto originario (piantando anche un po’ di alberi, magari i pioppi -Populus nigra “Italica” o Pioppo italico-). Qui un articolo sulla Mediolanum Imperiale e dove mostriamo l’antica Porta TIcinensis. Qui invece una descrizione dell’antico ponte romano qui rinvenuto durante degli scavi effettuati nel 1991.

Forse, come vogliamo sottolineare spesso, con poco, senza grandi elaborazioni architettoniche o chissà cos’altro, gli spazi pubblici potrebbero diventare molto più belli e vivibili. Come in questo caso, dove però, nonostante ci si trovi in pieno centro storico a due passi dalla Basilica di San Lorenzo e quella di Sant’Ambrogio, dal cuore dello shopping di via Torino, in zone fortemente visitate dai turisti, l’immagine che questi hanno è quella della solita sciatteria milanese. Per fortuna l’Hotel Ariston ha fatto la sua parte, sistemando e ordinando il vecchio spazio di loro proprietà.

Referenze immagini: Roberto Arsuffi

Caarrobbio, Colonne di San Lorenzo, Via Torino, via Medici, Arredo Urbano, Mediolanum, Archeologia, Sovrintendenza

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


2 thoughts on “Milano | Carrobbio – L’hotel Ariston, il Comune e la torre romana

  1. filippo

    Al di là dell’ampliamento del percorso pedonale, non è che lo squallore lo si risolve sempre mettendo in grafica degli alberi che per arrivare a quell’altezza e a quella fronda impiegano diversi anni, decenni. Insomma non fate anche voi del facile “illusionismo” che di render ne abbiamo abbastanza a Milano. Proponete progetti seri dato che, giustamente anche, ne invocate la titolarità (ad esser seri e rigorosi nella progettazione). Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.