"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Pasquirolo – Lo squallore dietro Corso Vittorio Emanuele

Imboccando una delle tante gallerie che si snodano dai portici di Corso Vittorio Emanuele, per l’esattezza sul lato destro lasciando Piazza del Duomo alle spalle, ci si ritrova in uno spiazzo che non ha veramente alcun senso. Originariamente era il Pasquirolo, sorto sulle rovine delle terme Erculee romane. Qui ancora oggi è possibile trovare la vecchia chiesa di San Vito al Pasquirolo.

L’edificio fu costruito in stile tardo-manierista, dopo il 1621, da Giovanni Pietro Orobono. Il portale fu invece progettato dal Genovesino nel 1626-1627. San Vito al Pasquirolo sorge oggi al centro di un ampio e caotico cortile moderno realizzato con le demolizioni post-belliche, che se non altro hanno in parte ricreato l’originario prato del “piccolo pascolo”, da cui aveva preso il nome la zona (Pasquirolo, per l’appunto). Dopo essere rimasta chiusa per un trentennio, la chiesa è stata di recente restaurata e riaperta. Oggi si officiano funzioni con rito cristiano-ortodosso. (Wikipedia)

La piazzona porta oggi il nome antico che possedeva Corso Vittorio Emanuele: Corsia dei Servi. Insomma tanta storia antica per un contesto che è solo un indicibile squallore. La chiesa è stata denudata  e già questo è molto triste. I palazzi che la circondano, tutti moderni, anni Cinquanta e Sessanta, non sarebbero neanche poi tanto male ma, vista la tristezza del luogo, si ha solo la forte sensazione che non ci sia proprio nulla da salvare. Due anni fa si decise di chiudere il passaggio centrale e la straordinaria doppia scala ellittica che portava ad una specie di primo piano esterno – entrambi creati dallo studio BBPR – inglobandoli all’interno di un negozio di abbigliamento, snaturando così il progetto architettonico originario e privando la città di un pezzo di storia dell’architettura milanese. Adesso, insomma, per vedere questa scalinata un tempo pubblica (peraltro protetta dalla sovrintendenza ai beni architettonici) bisogna entrare nel negozio e la possibilità di scattare fotografie turistiche è proibita.

Con questi ultimi interventi il Largo Corsia dei Servi pare solo un orrendo cortile con autosilo ipogeo. Sotto i portici bivacca sempre qualcuno; le auto continuano ad essere parcheggiate dove non dovrebbero; lo spazio tutto è, ahimé, trascurato e abbandonato. Pensare che siamo a pochi metri da una delle vie più prestigiose e costose al mondo. Cosa si potrebbe fare per salvare il tutto?

Pasquirolo.jpg

Com’era

 

2012-10-28+12.16.15.jpg 2012-10-28+12.15.16.jpg 2012-10-28+12.15.24.jpg 2012-10-28+12.15.36.jpg 2012-10-28+12.16.08.jpg 2012-10-28+12.16.24.jpg 2012-10-28+12.16.42.jpg 2012-10-28+12.16.58.jpg 2012-10-28+12.17.26.jpg 2012-10-28+12.18.24.jpg 2012-10-28+12.18.32.jpg

 




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.