"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Tre Torri – I soliti parcheggi sui marciapiedi

Un marciapiede è uno spazio sopraelevato posizionato al lato di una strada, riservato al transito ed allo stazionamento dei pedoni. L’etimologia della parola è legata al francese: infatti è composta da marche à pied (marcher = camminare; à pied = a piedi)

 
L’articolo 3, comma 1°, n. 33 del Codice della strada definisce marciapiede: quella “parte della strada, esterna alla carreggiata, rialzata o altrimenti delimitata e protetta, destinata ai pedoni”. Ciò significa che un veicolo non ha alcun diritto a stazionare o a circolare sul marciapiede, ad eccezione delle rampe apposite per l’accesso ad eventuali aree esterne alla carreggiata appositamente create, come ad esempio parcheggi, garage o proprietà private. 
 

A volte mi chiedo se i tecnici del comune che si occupano di ambiente urbano abbiano la visione di cosa possa succedere in un paese incivile come l’Italia, dove i marciapiedi sono considerati come un luogo per parcheggiare le auto quando non si ha la possibilità di trovarne uno regolare nelle vicinanze.
Questi esempi li ho fotografati in zona ex Fiera, dove per giunta i marciapiedi sono stati rifatti da poco tempo: distese di bitume pronte per essere invasi dalle vetture. Ad esempio in Via Euripide, all’angolo con Via Senofonte, hanno creato un triangolo di marciapiede veramente enorme, con due alberelli agli angoli e il resto una distesa di catrame; di conseguenza ora è occupato dalle solite auto dei più furbi. Tanto valeva creare uno spazio ordinato per il parcheggio, oppure, soluzione che preferisco, creare un triangolo ad aiuola verde con doppio cordolo.
Un altro esempio di poca lungimiranza si trova in Viale Cassiodoro, dove alla fine delle aiuole è stata lasciata una porzione bella larga di marciapiede, invasa dai soliti parcheggiatori furbacchioni; questo modo di parcheggiare, oltre a creare un senso di disordine nella via, a volte è di ostacolo per il passaggio degli stessi pedoni.
Se si progetta in questa maniera, l’inciviltà in un certo senso viene sostenuta anche dalle amministrazioni.

 
 
Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.