"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Via Francesco Melzi D’Eril e gli eleganti parcheggi tra gli alberi

Via Francesco Melzi D’Eril, insieme con Via Antonio Canova, crea il semicerchio nord-ovest di quel grande disegno progettato a fine Ottocento che univa il Foro Bonaparte, il Castello, il Parco Sempione e tutto l’asse del Sempione. L’idea originaria era quella di creare una via elegante, ricca di palazzi signorili e ideale per le passeggiate. Purtroppo, con il tempo, la becera abitudine italiana di parcheggiare ovunque, anche sui marciapiedi, ha degradato questa strada a comune direttrice di passaggio per autoveicoli, dove attenzione e rispetto per il pedone sono pressoché nulli.
Possibile che questa vista tanto squallida non scandalizzi più nessuno?

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.