"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Magenta – La chiesa di San Nicolao in restauro

La graziosa chiesa barocca di San Nicolao, quasi nascosta in una curva della via che porta il suo nome, è in fase di restauro.

La struttura della Chiesa è del 1659, benché più antica. La semplice facciata deve essere stata fatta verso la fine del 1600 o agli inizi del 1700. È a due piani, l’inferiore d’ordine ionico, il superiore d’ordine corinzio. Nel primo, ai lati del portale, si trovano due nicchie vuote mentre nel secondo piano la superficie centrale è occupata da una finestra, in alto il solito fastigio triangolare.

 

2016-11-06_chiesa_san_nicolao_restauro_3 2016-11-06_chiesa_san_nicolao_restauro_1 2016-11-06_chiesa_san_nicolao_restauro_2

 

2014-10-25 San Nicolao 4 2014-10-25 San Nicolao 11

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | Porta Magenta – La chiesa di San Nicolao in restauro

  1. Anonimo

    Concordo con te. Bravo del Vecchio….Speriamo che altri milanesi, capitani d’azienda e non, sentano il bisogno dovere di contribuire al miglioramento della città e ad innalzare la qualità della vita per tutti. Il bello rende di buon umore tutto quanti….

  2. Federico Magni

    Attenzione a però a ottenere sempre le informazioni corrette in merito ai lavori eseguiti ddai privati su aree pubbliche. Nella quasi totalità dei casi nnon è generosità del privato, ma sono oneri che il privato dovrebbe versarre nelle casse comunali, e che il comune impiega, attraverso lo stesso privato debitore, di pagare in opere, procedura che sarà anche più rapida perchè evita la procedura di gara d’appalto, ma toglie la possibiltà di ottenere un ribasso sul costo delle opere (oltre al limitare la libertà di partecipazione di altre imprese), e soprattutto evitando concorsi di progettazione, che sono l’unica modalità aperta che consente di ottenere un progetto qualitativamente migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.