"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Crescenzago – Cantieri e stramberie tra via Meucci e via Carta

Vi portiamo a fare una passeggiata virtuale tra cantieri e stramberie a Crescenzago, percorrendo un tratto di via Meucci da via Adriano sino a via Ponte Nuovo.

Cominciamo con il cantiere di via Adriano 1, dove, a quanto pare, nonostante le proteste del vicinato, il cantiere, annunciato qualche anno fa (2018), sembra in procinto di partire. Si tratta del progetto Residenze Lumière progetto dello studio di Form_a.

Percorriamo ora via Antonio Meucci, dove possiamo ammirare la curiosa casa al civico 16 sopralzata una ventina d’anni fa e che esibisce un particolare frontone ricurvo. Poco oltre noteremo il nuovo e appena completato palazzo residenziale di via Meucci 24.

Proseguiamo e, dopo lo stupendo spazio occupato dallo spazio commerciale di Cargo, troviamo il nuovo complesso residenziale di via Meucci 47.

Svoltiamo ora in via Privata Giovanni Battista Carta, dove, finalmente, dopo anni di cantiere, sorgono i due edifici contigui di via Carta 11 (a e b?).

Il primo, più particolare e interessante, è un “ripensamento” di un edificio già realizzato nel 2012 e che per molto tempo attendeva di venire commercializzato. Gli è stata data una ripassata stilistica e ora, dobbiamo dire, ci ha guadagnato parecchio.

Vicino, realizzato successivamente ma commercializzato prima, si trova l’altra palazzina, più anonima nell’aspetto.

Il contesto del quartiere di Ponte Nuovo è un mix di palazzine di piccole dimensioni che movimentano l’aspetto delle vie. Ci colpisce l’aspetto della palazzina in Via Privata Giovanni Battista Prandina 12, un vero guazzabuglio estetico senza eguali, dove chi l’ha progettata pare abbia collocato elementi a caso.

Sempre nella stessa via è partito da poco il cantiere per Via Prandina 4, un piccolo intervento residenziale.

Concludiamo col vicino cantiere di Via Asiago 91, il nuovo complesso residenziale ormai giunto a buon punto. Progetto di Simone Dominioni.

Immagini: Roberto Arsuffi, Duepiedisbagliati

Crescenzago, via Meucci, via Adriano, piazza Costantino, Martesana, Lumière, Cantiere, Progetto, via Prandina, via Carta, Via Ponte Nuovo, Via Asiago

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


4 thoughts on “Milano | Crescenzago – Cantieri e stramberie tra via Meucci e via Carta

  1. Davide Mombelli

    In merito alle residenze Lumiere, è da sottolineare che il comune ha appena svenduto la palazzina sede dell’ex-comune di Crescenzago ad una cooperativa di costruttori lombardi. Purtroppo questo genererà lo sfratto di tre importanti associazioni che oggi abitano e tengono viva casa Crescenzago: ANPI, Legambiente e banda di Crescenzago

    Per evitare la speculazione del lotto e mantenere (magari ristrutturare) il nostro ex municipio, è in corso una raccolta firme presso Legambiente. Si può firmare la domenica e il giovedì

    Speriamo di riuscire a salvare la storia di crescenzago e di evitare l’ennesima speculazione

    Buona giornata a tutti

    1. Salvatore

      Troveranno altro indirizzo, il comune deve dare abitazioni alla gente bisognosa non locali ad associazioni che potrebbero benissimo pagare un canone di locazione

        1. Anonimo

          Certamente. E’ solo che non puoi avere botte piena e moglie ubriaca.

          Son quindi decisioni politiche (nel senso positivo del termine), decidere dove e per cosa è meglio allocare risorse scarse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.