"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bovisa – Ma il Comune si è dimenticato di piazza Bausan?

Piazza Giovanni Bausan, nel cuore della Bovisa residenziale, è famosa per essere un capolinea tranviario e soprattutto per la presenza nella rotonda centrale di una esuberante fontana realizzata nel 1928 per commemorare i caduti del quartiere della I Guerra Mondiale.

Nella rotonda spartitraffico, a corona della graziosa fontana di granito, ci sono quattro spicchi d’aiuola un tempo abbelliti da due belle piante di prunus ciascuna (quindi 8 in tutto) e sino al 2017 anche da rigogliosi cespugli e fiori.

I cespugli vennero eliminati proprio nel 2017 perché causa di degrado (come succede spesso, purtroppo). Infatti rendevano possibili episodi sgradevoli consentendo, nascosti dai cespugli, “strani comportamenti” poco leciti a certe persone, come abuso di bevande alcoliche, consumo di sostane stupefacenti e anche defecazioni umane. Insomma, per risolvere il problema vennero eliminati aprendo la vista anche alla fontana.

Lo scorso anno il Comune ha fatto restaurare la fontana e ha installato 4 nuovi lampioni, che naturalmente da buona amministrazione quale è quella di Milano così attenta all’arredo urbano, sono di fattura differente da quelli già presenti, ma tant’è.

Ripassandoci nei giorni scorsi, abbiamo notato lo squallore della piazza aggravato dalla completa mancanza di alberature e dal notare che nel frattempo le aiuole sono diventate semplici praticelli, senza alcun motivo floreale e i poveri prunus son rimasti in quattro, di cui il più vecchio ormai è secco.

Abbiamo controllato anche sul preziosissimo Google Street view, e come potete notare, la piazza negli ultimi 14 anni è peggiorata. Dall’avere rigogliose aiuole alberate e ben curate, oggi appare sciatta, come ormai è la natura di questa città. Sappiamo che ora i problemi sono altri, con il caro energie, ma questa situazione è andata peggiorando negli ultimi anni. Forse un po’ di buona volontà e poche spese aiuterebbero ad abbellire anche questa graziosa piazza di periferia.

Referenze immagini: Google; Roberto Arsuffi

Piazza Bausan, Bovisa, Arredo Urbano, Aiuole, Verde pubblico, Decoro, Sciatteria




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


10 thoughts on “Milano | Bovisa – Ma il Comune si è dimenticato di piazza Bausan?

  1. G.

    Non solo di Bausan, ma un po’ di tutta Bovisa. I diversi cantieri della zona (davanti al Politecnico, o alla stazione) sembrano tutti stoppati da anni. L’unico che l’ha concluso in tempi record il Tigros 😉

  2. Anonimo

    “Graziosa piazza di periferia”? Dissento. È una rotatoria stradale con parcheggio a lisca di pesce tutto attorno.

    Per essere una graziosa piazza dovrebbe essere pedonalizzata o almeno i marciapiedi dovrebbero essere estesi per eliminare il casino di auto accatastate in giro.

    Più che la mancanza di cespugli trovo ben più fastidioso tutto lo spreco di spazio in favore delle solite auto.

    1. T4GL18

      Guarda caso signor Anonimo nel 2014 quando la Germania, storico nemico della Russia e membro importante dell’UE, ha vinto i Mondiali la Crimea dell’Ucraina, filo europea è stata invasa dai russi. Chissà come mai!!

      1. V.

        Senza tirar fuori l’Imperialismo Russo, credo le foto siano abbastanza oggettive. A meno che non le abbia ritoccate la Bilderberg 🙂

    1. GG

      Non è una piazza, è una rotonda con al centro un giardinetto.
      Ovviamente essendo pericoloso arrivare a piedi nel giardino centrale a causa delle auto che ci sfrecciano attorno le persone non lo frequentano e diventa un non-luogo dove trovano invece spazio i personaggi scomodi.
      Eliminare i cespugli è stata la solita soluzione per cercare di rattoppare così le forze dell’ordine possono controllare direttamente dall’auto, se invece avessero eliminato le auto e creato uno spazio pedonale con il passaggio solo dei tram forse oggi sarebbe diversa e anche più carina delle altre aree pedonali create ultimamente.

  3. Anonimo

    si eliminiamo le auto dei pezzenti viventi in bovisa, che vadano in tram visto che ce l’hanno, c’è pure il filobus.
    lasciamo le auto solo ai centro viventi che se le possono permettere con garage sotterraneo. Che bello l’Italia scandinava, che paese di merda che volete.
    Andate a cagare di colera architetti di merda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.